Bando centrale unica di committenza Basento Bradano Camastra

Fp Cgil Potenza: “Ritirare immediatamente il bando. A rischio i livelli occupazionali”

A seguito dell’apertura delle buste e la partecipazione di sole due aziende al bando di gara per la realizzazione della centrale unica di committenza Basento Bradano Camastra nell’ambito del progetto di sviluppo del servizio di raccolta differenziata dei rifiuti dell’Area metropolitana di Potenza, la Fp Cgil di Potenza continua a condannare il bando di gara in quanto metterebbe fortemente a rischio i posti di lavoro.

Per quanto riguarda il costo del lavoro, infatti, il bando se da una parte garantisce la clausola sociale dall’altra pone a ribasso il costo del personale. Fattore, questo, che ha spinto una delle due aziende partecipanti a fare ricorso al Tar ritenendo il bando incongruo.

“Siamo molto preoccupati – dichiara Michele Sannazzaro, segretario Fp Cgil Potenza – sia perché si tratta di un bando di diversi milioni di euro ed è quindi inconcepibile la partecipazione di sole due aziende sia perché un bando così a ribasso fa prevedere dei tagli al personale. Chiediamo – conclude – che il bando venga sospeso per verificarne la congruità e che il Prefetto e gli organi di competenza vigilino sulla regolarità e trasparenza”.

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*