On. Latronico (DI) su convento Tursi

“In una nota inviata al ministro dei Beni culturali e del Turismo on. Dario Franceschini ho sottolineato la necessità di riaprire un’attenzione concreta e conclusiva  sul convento di San Francesco di Tursi, nel Materano.  Un monumento di interesse nazionale di particolare pregio artistico, storico, architettonico, paesaggistico, sottoposto   a vincolo ai sensi della legge 1089 del 1939. Un monumento che ha già ricevuto un contributo per un primo intervento di consolidamento del compendio conventuale  per 672 mila euro da parte del MiBACT”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (Direzione Italia). “Un insieme monumentale sorto nel 1441 ad opera dei frati minori dell’Osservanza, costruito a seguito della bolla di Papa Eugenio IV, che si iscrive in un contesto di particolare pregio storico che annovera il centro storico, la Rabatana ,di origine arabo bizantina, il museo diocesano nel convento di San Filippo Neri, la Basilica di Anglona, altro monumento nazionale. Il Comune di Tursi ha fatto predisporre un progetto esecutivo per completare l’opera di restauro, di risanamento conservativo  e di valorizzazione del complesso monumentale  per farne un  centro di riferimento per l’intero distretto colturale del comprensorio del Metapontino / Magna Grecia.  Il complesso potrebbe essere sede  di riferimento dell’Università della Basilicata per la scuola di  specializzazione in  archeologia, dell’Istituto superiore del restauro che di recente ha aperto a Matera  una sua sede,  oppure potrebbe avere altre ed importanti destinazioni  nel campo culturale e turistico. Al fine di definire una strategia di azione ho chiesto al ministro Franceschini  di convocare  un tavolo con il Comune, la Regione Basilicata  e gli enti che vorrà per convenire una comune linea di azione. Anche questo tassello – ha concluso Latronico – sarebbe finalizzato a potenziare l’offerta culturale in vista dell’evento di Matera capitale europea della cultura nel 2019”.
Roma 8 marzo  2017

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*