Il preside dell’ISIS “Pitagora” commenta i recenti avvenimenti che hanno colpito l’Istituto

Si tratta di un episodio inquietante e gravissimo, inaccettabile anche se si trattasse di una bravata. La sicurezza degli alunni è un bene dal valore assoluto che difenderemo sempre; anche perché c’è la ferma volontà mia e del personale scolastico a rompere determinati schemi e zone d’ombra. Bisogna educare ed includere tutti; ma non si può tollerare in alcun modo un atto così grave e destabilizzante. Il responsabile va individuato e messo nelle condizioni di non nuocere.
Confido nella giustizia e sono certo che con un impegno alto e coerente delle istituzioni, si potrà garantire un’azione di contrasto a queste azioni intimidatorie che coinvolgono pochi soggetti, ma che rappresentano un segnale pericoloso se non delimitato e bloccato in modo efficace.
Ringrazio tutti i colleghi e le istituzioni scolastiche per la vicinanza e la solidarietà manifestata, perché questi episodi, se non risolti e contrastati in modo efficace, fanno passare un segnale di impunità che rende inefficace ogni azione didattica e ogni impegno educativo.
Un plauso ed una nota di ringraziamento al Commissariato di Polizia per l’impegno, la determinazione, la professionalità e la rapidità con cui hanno portato avanti le indagini che hanno consentito l’individuazione del colpevole.
Sono convinto che si tratti di fatti di portata limitata e voglio anche sottolineare come l’intervento realizzato dalle istituzioni sia importante in sé ma, ancor più, per il segnale di incoraggiamento che essi inviano alla cittadinanza riguardo alla lotta contro la cosiddetta microcriminalità. Si confida nella sperimentata collaborazione di tutta la comunità scolastica e si ringrazia anticipatamente; nella convinzione che la scuola possa rappresentare un viaggio nella conoscenza, nell’innovazione e nella socialità, sempre più sicuro, coinvolgente e formativo.

Il Dirigente Scolastico
Prof. Angelo CASTRONUOVO

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*