Michele Napoli su riparto del Fondo Sanitario Nazionale

“ Il riparto del Fondo sanitario Nazionale che assegna per il 2017 alla Regione Basilicata un miliardo e 52 milioni di euro, 5 milioni in più rispetto all’anno precedente, è un fatto positivo ma non dipende da alcun particolare virtuosismo della governance locale, bensì dai criteri sulla base dei quali è stato operato il riparto, vale a dire quello tradizionale dell’anzianità della popolazione e, per la prima volta, quello delle condizioni socio economiche della popolazione di riferimento”.

E’ quanto sostiene Michele Napoli, Presidente del Gruppo Consiliare Forza Italia della Regione Basilicata, che, nel commentare la notizia del via libera delle Regioni al riparto del Fondo con cui finanziare i sistemi sanitari regionali, precisa: “ il criterio anagrafico, che premia con l’attribuzione di maggiori risorse le regioni con popolazione più anziana, è sacrosanto perché una persona anziana si ammala di più di una persona giovane e tende quindi ad assorbire più risorse per le cure”, ma, sottolinea l’esponente azzurro, “ quest’anno compare anche il criterio della deprivazione socio economica dei territori con cui si cerca di prendere atto della circostanza che il 10% degli italiani, concentrati soprattutto nel Mezzogiorno, rinuncia alle cure per le liste di attesa e i costi, per molti proibitivi, dell’intramoenia o della sanità privata”.

Ci permettiamo di suggerire all’Assessore Franconi, conclude il Capogruppo Regionale di Forza Italia, di cogliere al volo l’occasione dell’approvazione del riparto del Fondo sanitario nazionale 2017 ad inizio anno per effettuare una valida programmazione sanitaria, destinando il piccolo surplus di risorse di cui godrà la nostra regione ad obiettivi ben determinati quali l’ampliamento dei soggetti beneficiari dei farmaci innovativi o la riduzione delle lunghissimi liste di attesa per esami e visite specialistiche, in modo da soddisfare le reali esigenze di salute dei lucani.




Commenta per primo

Rispondi