Marconia, 21enne arrestato dalla Polizia per marijuana

Nascondeva la droga in macchina

La Polizia di Stato ha arrestato in Marconia di Pisticci un ventunenne perché trovato in possesso di circa 50 grammi di marijuana (di cui una parte divisa in singole porzioni pronte per la vendita), di un bilancino elettronico e di circa 90 bustine per il confezionamento dello stupefacente.

La droga, che era avvolta in una busta di plastica, è stata sequestrata unitamente agli strumenti utilizzati per la preparazione.

L’operazione è stata realizzata dal personale del Commissariato di P.S. di Pisticci nell’ambito di un’attività di indagine finalizzata al contrasto dello spaccio di sostanze psicotrope nel centro urbanizzato di Marconia di Pisticci.

A seguito di uno specifico servizio di osservazione ed appostamento predisposto nei pressi della presunta zona di spaccio, gli operatori hanno notato un’autovettura ferma, i cui occupanti, persone note in quanto dedite al consumo di sostanze illecite, assumevano atteggiamenti sospetti a cui si aggiungeva un continuo andirivieni di autovetture.

La consistenza dei movimenti faceva presumere che l’autovettura fosse utilizzata per occultare la droga al fine di un successivo smercio a terzi.

Pertanto gli operatori, dopo l’ennesima sortita sospetta, hanno deciso di procedere ad un controllo del mezzo e dei relativi occupanti. Scelta operativa opportuna in quanto all’interno del veicolo è stato rinvenuto un involucro contenente la sostanza stupefacente ben occultata unitamente a diverse dosi già confezionate e pronte per la vendita.

Sempre nell’abitacolo è stato trovato un bilancino elettronico utilizzato per le operazioni di pesatura della sostanza con in più un centinaio di bustine da utilizzare per il confezionamento.

Date le risultanze investigative raccolte e su disposizione dell’A.G., l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

La droga sequestrata, che avrebbe permesso il confezionamento di un elevato numero di dosi di sostanza stupefacente, è risultata di buona qualità.
Matera, 1 febbraio 2017

Commenta per primo

Rispondi