EVENTO “LA CROCE DI LAMPEDUSA” SENISE SABATO 04 FEBBRAIO 2017

Sabato 04/02/2017, in collaborazione con la Parrocchia di Senise, si svolgerà una fiaccolata per celebrare l’arrivo della Croce di Lampedusa nella comunità Senisese.

Una manifestazione che vede protagonisti gli ospiti dei centri di accoglienza gestiti dalla Cooperativa Sociale Senis Hospes.
“La Croce di Lampedusa è una croce come quella di Cristo. Una croce moderna e densa di significato, realizzata da un falegname lampedusano con i resti del legno dei barconi dei migranti approdati sull’isola. La Croce, formata da due assi di legno di 2,80 metri d’altezza per 1,50, con un peso di circa 25 chili e un piedistallo in ferro. E’ simbolo permanente di una memoria che non può svanire. Da più di due anni viene portata in pellegrinaggio toccando parrocchie, scuole, carceri, ospedali di tutta Italia e coinvolgendo tante realtà associative. Ha fatto incontrare persone, ha generato e continua a generare momenti di riflessione, di unità e di preghiera attorno al dramma dei migranti.

“Portatela ovunque.” Sono le parole pronunciate da Papa Francesco quando, il 09 Aprile 2014 ha benedetto in Piazza San Pietro la croce.
Da questo invito ha preso il nome il progetto “Portatela Ovunque: il Viaggio della Croce di Lampedusa”, un’ iniziativa promossa dalla Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti. Dal 19 al 25 Agosto 2016 la Croce è stata collocata nella mostra “Migranti, la sfida dell’incontro”, allestita in occasione del Meeting di Rimini.

La manifestazione avrà inizio alle ore 18.00 in Largo San Biagio con una “fiaccolata silenziosa” che giungerà fino in Chiesa San Francesco dove seguirà un momento di di riflessione con video e testimonianze, affinchè questo incontro ci permetta di scoprire che prima della diversità c’è una comunanza, qualcosa che rende l’altro parte di noi! Infatti il corteo sarà aperto da uno striscione recante la seguente scritta : “Le lampade sono diverse ma la Luce è la stessa”.
Alla manifestazione parteciperanno anche i sindaci di Senise, Fardella, San Severino Lucano e Latronico.

Commenta per primo

Rispondi