Una rivoluzione sentimentale: Presentazione del romanzo di Viola Ardone

Si terrà sabato 28 gennaio 2017, alle 18,30, alla libreria Di Giulio Via Dante n. 61, a Matera, la presentazione del romanzo di Viola Ardone, “Una rivoluzione sentimentale” – Salani Editore. Converseranno con l’autrice Mariateresa Cascino, cofondatrice del Women’s Fiction Festival e la giornalista Rossella Montemurro.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Women’s Fiction Festival, la libreria Di Giulio, il blog letterario, Giuditta Legge e la casa editrice Salani. Nella stessa giornata l’autrice incontrerà gli allievi dell’Istituto Pedagogico e dell’Istituto Commerciale di Matera.

IL ROMANZO
Tutti hanno diritto alla propria Rivoluzione: anche Zelda, bella ricercatrice universitaria di buona famiglia, che si ritrova a insegnare quasi per capriccio in un oscuro liceo di provincia, e che non si è mai contaminata con la materia viscosa dell’amore. Zelda crede di essere una che non ha niente da insegnare e invece i suoi alunni riescono a imparare da lei cose che lei nemmeno sospettava di sapere. Sono molto giovani e non sanno quasi niente della vita, ma hanno appena iniziato a capire quello che non
vogliono. E la discarica che intossica il loro paese non la vogliono più. Ma la rivoluzione è come un fiammifero che una volta acceso tutto infiamma, sovverte e porta a zero. E il vento che si alza dalla protesta dei ragazzi di Scogliano inizia a soffiare in direzione di Zelda, e finisce per scompigliare la sua vita pettinata e asettica.

L’autrice
Viola Ardone nasce a Napoli nel 1974, dopo la laurea in lettere moderne e il diploma in danza classica, si occupa di teatro lirico e di prosa, pubblicando saggi e articoli per le Edizioni del Teatro San Carlo. Per diversi anni lavora nel campo editoriale come redattrice e autrice di testi scolastici. Oggi insegna italiano e latino al Liceo Scientifico. Fra i suoi romanzi ricordiamo: la ricetta del cuore in subbuglio e Una rivoluzione sentimentale entrambi editi da Salani e diversi racconti in raccolte antologiche.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*