Il Comune di Pisticci chiederà rimborso delle entrate erariali decurtate: “Ci avvarremo delle sentenza della Corte Costituzionale”

Il Comune di Pisticci presenterà al Ministero delle Economie e delle Finanze e al Ministero dell’Interno istanza per ottenere il diritto al rimborso delle entrate erariali decurtate in sede di riparto del Fondo Sperimentale di riequilibrio del Fondo Perequativo per l’anno 2013. E’ quanto si evince dalla delibera di Giunta n. 54\2017 che autorizza il Sindaco a chiedere il rimborso: “Nel 2013 il D.L. 95\2012 (cd. Spending Review) prevedeva la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio del Fondo Perequativo e dei trasferimenti erariali ai Comuni per un importo complessivo pari a 2,25 miliardi di euro, ripartiti tra gli enti locali in base alle quote di spese sostenute per i consumi intermedi – spiega il Sindaco Viviana Verri – La sentenza della Corte Costituzionale n. 129\2016 sancisce tuttavia l’illegittimità di tali prelievi per l’assenza di forme di coinvolgimento dei Comuni interessati e per la mancata indicazione di un termine per l’adozione del decreto di natura non regolamentare del Ministero dell’Interno. In virtù della pronuncia della Consulta, il nostro Comune chiederà il rimborso integrale delle somme illegittimamente sottratte alle casse dell’ente, ossia 358.152 euro”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*