MATERA: Su sanzione ANAC il M5S aveva già chiesto in passato maggiore trasparenza

M5S

Un’altra brutta figura si abbatte sulla giunta De Ruggieri. Apprendiamo da fonti di stampa che l’Autorità Nazionale Anticorruzione – presieduta da Raffaele Cantone – avrebbe applicato la sanzione per la mancata predisposizione del piano triennale anticorruzione. Se confermata sarebbe una mancanza gravissima per la città di Matera. Una Capitale Europea della Cultura, dovrebbe costituire un esempio impeccabile di trasparenza,  e invece, grazie alla superficialità ed all’approssimazione di questa amministrazione, la città è stata nuovamente umiliata pubblicamente.

Senza considerare per altro che in  passato abbiamo segnalato già in varie occasioni  la poca trasparenza del sito istituzionale del comune di Matera, nonchè il mancato rispetto  della legge anticorruzione. Naturalmente dal Comune non è arrivata alcuna risposta alle sollecitazioni presentate dal M5S, non c’è allora nulla di cui meravigliarsi di fronte alle odierne sanzioni dell’ ANAC.
Un danno d’immagine enorme, che potrebbe non esaurirsi adesso,  perché attendiamo che il Sindaco De Ruggieri, oltre a predicare a voce trasparenza e legalità, dimostri di praticarla effettivamente rendendo pubblico il contenuto della missiva dell’ ANAC e anche il resoconto, che conoscerebbe già dal mese di dicembre, delle visite ispettive del MEF che hanno messo sotto la lente di ingrandimento tantissimi atti e documenti del Comune. E’ giusto che cittadini ed elettori materani siano messi al corrente immediatamente della situazione gestionale mediante la pubblicazione sul sito WEB per conoscere gli eventuali responsabili.

Infine sarebbe il caso di verificare anche la correttezza della delibera di consiglio comunale sugli indirizzi per il nuovo bando rifiuti , approvata dalla maggioranza ( o da quel che ne resta ) priva del parere di regolarità contabile e nemmeno dell’obbligatorio vaglio del Collegio dei revisori dei Conti.

In occasione della stessa seduta di consiglio abbiamo chiesto che venisse messo a verbale un estratto di deliberato della Corte dei Conti di Basilicata sull’esternalizzazione del servizio di raccolta rifiuti che andrebbe in contrasto con quanto approvato dalla giunta De Ruggieri, proprio per porre l’attenzione su un probabile ennesimo pasticcio.
Antonio Materdomini

Portavoce M5S in Consiglio Comunale di Matera

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*