Sopralluogo di Michele Emiliano a Gravina

Il presidente della Regione in visita alla sala operativa

Apprezzamento per la gestione dell’emergenza: «Adottato un modello da seguire»

Da Santeramo ad Altamura e poi, in serata, a Gravina. Per una visita a sorpresa alla sala operativa attiva dal 5 gennaio negli uffici del Comando di Polizia Municipale per gestire l’emergenza neve. Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano si è fatto annunciare da una telefonata, poco prima di arrivare sul posto. «Se avete cinque minuti per me, vorrei venire a vedere come vanno le cose, ma se disturbo passo un’altra volta», ha scherzato Emiliano nella sua telefonata al sindaco Alesio Valente. Nel giro di qualche minuto l’incontro, alla presenza dei responsabili della Protezione Civile e della giunta comunale. Affiancato dal maggiore Nicola Cicolecchia, comandante della Polizia Municipale e coordinatore della sala operativa, il governatore ha ascoltato dalla voce del primo cittadino il report sullo stato della situazione in città, prendendo cognizione di persona dei provvedimenti assunti per rispondere all’affondo artico del Generale Inverno: dall’ordinanza per l’obbligo di circolazione nel centro abitato con catene o pneumatici termici alle scorte di sale costituite in proprio dal Comune, passando per il piano di misure programmate per intervenire con celerità nell’area urbana, suddivisa a tale scopo in zone ciascuna affidata a squadre composte ognuna da volontari, agenti della Municipale e mezzi spazzaneve e spargisale, senza trascurare il canale di comunicazione con la città, lasciato aperto h 24 sin dal 5 gennaio scorso. «Un’organizzazione messa in moto prima dell’inizio delle nevicate – ha ricordato Valente – e che sia pur tra le notevoli difficoltà legate a fenomeni meteo di eccezionale intensità, con la collaborazione determinante dei cittadini ci ha consentito di superare i momenti più critici, facendo sì che la città non si bloccasse e che fosse sempre possibile provvedere alle priorità, in particolare alle operazioni di soccorso provvidenziali per tante famiglie rimaste isolate sotto muri di neve nelle contrade rurali». Parole alle quali ha fatto eco la riflessione di Emiliano. Che dopo aver richiesto ulteriori dettagli sulle modalità operative seguite in città e sui risultati ottenuti, ha tirato le somme della riunione: «Gravina – ha sottolineato il presidente della Regione – in questi giorni difficili non ha mai rappresentato per noi un problema da risolvere perchè qui, evidentemente, le cose sono state fatte per bene. Il Comune ha risposto benissimo e con rapidità ai problemi causati dall’ondata di maltempo: grazie all’impegno dell’amministrazione comunale e del sistema locale di Protezione Civile, è stato messo a punto un sistema che funziona, al punto che chiederò al sindaco Valente di farlo diventare, con l’aiuto degli altri colleghi sindaci, un modello standard nei casi di emergenza neve, perchè è evidente che questo standard non esiste ancora e noi lo creeremo».

Poi, tra i saluti e le strette di mano, il rientro a Santeramo.

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*