Ondata di maltempo in arrivo: il Comune di Gravina si organizza

In mattinata in Municipio riunione di giunta dedicata alla questione
Diverse le ipotesi vagliate per fronteggiare al meglio ghiaccio e neve

Una stretta alla circolazione stradale, da limitare a veicoli muniti di catene o gomme termiche. Spargimento di sale e pulizia delle strade. Sospensione degli eventi pubblici in programma.
Sono diverse le soluzioni vagliate durante la seduta di giunta convocata dal sindaco Alesio Valente per discutere anche dell’ondata di maltempo che nei prossimi giorni dovrebbe abbattersi su tutta l’Italia, portando con sé un carico di neve e ghiaccio. La riunione, svoltasi in mattinata in Municipio, ha visto anche la partecipazione del responsabile dell’Area Tecnica, Michele Stasi, e del comandante della Polizia Municipale, Nicola Cicolecchia, quest’ultimo anche in qualità di responsabile della Protezione Civile. A destare preoccupazione quello che dai meteorologi è stato ribattezzato come “Bufera della Befana”, un robusto anticiclone di blocco che consegnerà agli archivi il clima mite delle ultime settimane per spalancare le porte all’ondata di gelo che dal nord della Russia si fionderà su gran parte dell’Europa arrivando a toccare con notevole intensità anche le regioni del Sud Italia nella giornata del 6 gennaio.
Sulla portata e sugli effetti dell’anticiclone mancano, al momento, indicazioni ufficiali da parte della Protezione Civile nazionale e regionale, attese per le prossime ore. Una valutazione, seppur provvisoria, è stata pertanto effettuata sulla base delle previsioni meteo disponibili, che danno come possibile per Gravina e l’area murgiana nevicate da deboli a moderate ed un vertiginoso calo delle temperature, al di sotto dello zero per le giornate di venerdì e sabato, con conseguente pericolo di formazione di ghiaccio. Uno scenario di fronte al quale diverse sono le misure valutate. Sulla loro effettiva adozione si deciderà alla luce dei bollettini meteo che saranno resi noti dalla Protezione Civile e dall’Aeronautica Militare. Tra le opzioni esaminate vi sono il rinvio (di concerto con gli organizzatori) degli eventi pubblici in programma tra il 6 ed il 7 gennaio, l’attivazione del Centro operativo comunale di Protezione Civile come pure l’adozione di un’ordinanza per consentire anche nel centro urbano solo la circolazione di auto munite di catene o equipaggiate con gomme termiche. Nel frattempo, la società “Tradeco” è stata sollecitata a garantire il rispetto del capitolato d’appalto che la lega all’Ente e che prevede l’obbligo di garantire la transitabilità delle arterie urbane attraverso lo spargimento di sale e l’utilizzo di mezzi spargisale e di apposita manodopera. Decisa anche l’istituzione di un gruppo di lavoro che fino a domenica resterà attivo nei locali del Comando di Polizia Municipale, sotto il coordinamento del comandante Cicolecchia e dell’assessore comunale alla protezione civile, Sergio Varvara, per monitorare costantemente l’evoluzione della situazione.
Determinante sarà comunque la collaborazione dei gravinesi: la cittadinanza è invitata a non usare l’auto nei giorni a rischio – nell’eventualità di nevicate o presenza di ghiaccio – se non in caso di bisogno e comunque previo montaggio di catene e pneumatici da neve. Un appello particolare è rivolto ai residenti nelle contrade rurali serviti da strade di competenza di enti diversi dal Comune: ad essi è destinato l’invito ad approvvigionarsi di beni alimentari di prima necessità per far fronte ad eventuali interruzioni della viabilità. Aggiornamenti in tempo reale saranno tempestivamente forniti attraverso il sito internet e la pagina facebook del Comune, oltre che mediante gli organi di informazione.
Gravina in Puglia, 3 gennaio 2017

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*