Emozioni in musica, a Scanzano l’iniziativa dell’Ordine degli Psicologi della Basilicata

Con l’intento di sottolineare il progresso della disciplina psicologica, le potenzialità in ambito comunitario e le opportunità applicative, l’Ordine degli psicologi della Basilicata, venerdì 30 dicembre alle ore 18.30 presso il Palazzo Baronale di Scanzano Jonico, terrà l’iniziativa “Emozioni in musica”, un evento culturale di fine anno patrocinato dall’Amministrazione comunale della cittadina jonica. “Il 2016 – ha spiegato Maria Antonietta Amoroso, consigliera della commissione di parità dell’Ordine – è stato un anno intenso di proposte, di alleanze e protocolli d’ intesa; le iniziative in occasione della Settimana del Benessere Psicologico e la nascita della Giornata Nazionale della Psicologia hanno avuto l’obiettivo di accellerare il processo di conoscenza sulle potenzialità applicative della psicologia ed il superamento della immagine dello psicologo alle prese solo con tematiche intime e specifiche. Siamo 100.000 psicologi in Italia – ha sottolineato – e abbiamo le risorse, le competenze, la tecnica, la cultura e la formazione per contribuire al miglioramento della collettività; naturalmente cominciando ad occuparci di migliorare la qualità della vita dell’essere umano in molti e diversi campi”.

“Emozioni in musica”, partendo dalla lettura di alcuni brani tratti dal volume “Albagia” della scrittrice lucana Maria Antonietta D’Onofrio, offrirà l’occasione di riflettere sui temi della comunicazione, della relazione, dell’ambiente, del lavoro, dell’handicap, della violenza, della morte, della migrazione,che rappresentano le aree di applicazione della Psicologia.

All’evento, oltre al sindaco Raffaello Ripoli, alla consigliera dell’Ordine Maria Antonietta Amoroso,  e alla scrittrice D’Onofrio, parteciperanno anche l’Ambasciatrice Unesco per la musica, Siliva Barletta, i coristi del Coro polifonico Esperia e una delegazioni di psicologi iscritti all’Ordine della Basilicata.  A condurre la serata ci sarà il giornalista Antonello Lombardi

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*