LETTERA LAVORATORI TECNOPARCO IN RISPOSTA ALLE AFFERMAZIONI DELL’EX SINDACO DI TRANI

Riscontriamo uno spiacevole quanto inopportuno articolo dell’ex sindaco Di Trani, il quale, sulle pagine di un quotidiano locale, riprende con enfasi e veemenza il cavallo di battaglia che ha accompagnato il suo mandato amministrativo.

Vorremmo sommessamente ricordare che le dichiarazioni rilasciate, durante il suo mandato, dall’ex sindaco Di Trani, sono state già categoricamente smentite dal più importante ed autorevole ente di ricerca ambientale italiano, l’ISPRA, nella riunione tenutasi in Regione il giorno 26 gennaio 2015 a cui ha partecipato, tra gli altri, lo stesso Comune di Pisticci da lui guidato.

In breve solo per ricordare i fatti:

Verbale della riunione…….: Il giorno 26 gennaio 2015, alle ore 13,00, presso la sala Verrastro del Palazzo della Giunta regionale,  in  prosecuzione  dell’incontro  del  25  novembre  2014,  si  è  tenuta  la  riunione programmata per acquisire l’avanzamento delle indagini radiometriche avviate da ARPAB e le risultanze della valutazione congiunta con ISPRA, in merito alla problematica del potenziale impatto radiologico connesso con le operazioni di conferimento all’impianto di Tecnoparco in Valbasento di reflui provenienti dall’impianto COVA di Viggiano dell’ENI.

Intervento ISPRA -……………. Dall’esame  di  detta  relazione  tecnica  si  evince  che  le  valutazioni  effettuate  dall’esercente indicano  valori  di  dose  efficace  ben  al  di  sotto  dei  livelli  di  azione  fissati  dalla  normativa vigente.  Ciò trova conferma nelle determinazioni radiometriche effettuate dall’ARPAB su un insieme di matrici  ambientali,  selezionate  in  accordo  con  l’ISPRA  e  campionate  nelle  aree  circostanti l’impianto Tecnoparco.  

Assessore Grieco di Pisticci- ribadisce la necessità di dare atto, nei siti istituzionali, di tutto il lavoro fin qui svolto, attraverso i rapporti scientifici prodotti e i verbali delle sedute. Le indagini  approntate  hanno  consentito  di  rispondere con  scientificità  agli  appelli  intervenuti rendendo inattaccabili le risultanze………

Queste accuse gratuite ed infondate  da parte di Di Trani, altro non fanno che creare inutili allarmismi tra la popolazione, impedendo, di fatto, un confronto sereno su argomenti estremamente importanti come le tematiche ambientali.

L’informazione distorta sposta l’attenzione dai reali problemi dell’area mettendo in grave pericolo i già bassi i livelli occupazionali e finisce per impedire l’auspicato rilancio dell’area.

A tal proposito è bene sottolineare che la tutela e salvaguardia dei luoghi di lavoro è il principale interesse dei lavoratori della Tecnoparco i quali prendono le distanze da questa strategia del terrore perpetrata ai loro danni al di fuori del solco della legittimità degli atti e della democrazia degli interventi.

Come lavoratori della Tecnoparco abbiamo chiesto ai nostri rappresentati sindacali di incontrare, insieme a tutti i lavoratori della Valbasento, il Sindaco Viviana Verri e la sua Giunta per discutere in maniera serena, con dati alla mano, di ambiente, salute e sviluppo industriale e ringraziamo il Sindaco per la disponibilità accordataci per l’inizio del nuovo anno.

Saremo inoltre presenti ai tavoli regionali richiesti dai sindacati, affiancandoli e sostenendoli, per sollecitare la Regione a fare ulteriore e definitiva chiarezza sulla reale situazione del SIN Valbasento, sulla compatibilità ambientale delle lavorazioni attuali della NOSTRA area industriale e per pretendere che si estenda l’indagine epidemiologica e di screening sanitario ai lavoratori dell’intera area industriale e alle popolazioni limitrofe.

Il nostro è un sistema produttivo sano e utile, e confidiamo che l’ex sindaco affronti il nuovo anno avendo davvero come faro il bene comune al fine di assicurare un futuro di sviluppo all’intera Valbasento.

I lavoratori di Tecnoparco

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*