Presentata in Consiglio regionale “Sportivity” la Fiera dello sport a Gravina

Due testimonial pugliesi “d’oro” per Sportivity, la prima fiera dello sport, a Gravina di Puglia dal 22 al 26 giugno, che mira a diventare la più importante dedicata allo sport nel Mezzogiorno. Due campioni dello sport olimpico e paralimpico a Rio de Janeiro 2016, Luca Mazzone (due ori e un argento nell’handbike) e Domenico Montrone (bronzo nel canottaggio), hanno tenuto a battesimo la presentazione del progetto, in una conferenza stampa in Consiglio regionale, a Bari.

La fiera dello sport si svilupperà nell’area fieristica gravinese su oltre 60mila metri quadri, tra zone coperte e scoperte. Proporrà dimostrazioni pratiche di diverse discipline, eventi e incontri, nuove tendenze nell’alimentazione e nella medicina sportiva.

“Non si esaurirà alle discipline sportive ma darà la possibilità alle aziende che lavorano nel settore di mettere in mostra i propri prodotti” ha notato il vicepresidente del Consiglio regionale della Puglia Peppino Longo, nel portare il saluto della Regione. “Si offrirà al tempo stesso come una vetrina di un territorio straordinario , suggestivo, ricco di potenzialità a tutti i livelli, svolgendosi nello scenario della Murgia barese.

Longo ha messo in risalto i tanti valori dello sport, efficace sotto diversi aspetti, non ultimo quello di allontanare i ragazzi dalla strada. “La Regione Puglia difenderà sempre lo sport, non foss’altro perchè rappresenta l’antitesi dell’attività dei politici, necessariamente sedentaria”, ha detto spiritosamente.

Lo sport è cultura, “non solo del benessere fisico, anche quella con la ‘C’ maiuscola”, ha fatto notare il sindaco di Gravina Alesio Valente, che ha definito Sportivity “un’iniziativa ambiziosa, che si candida a diventare ‘unica’, la Fiera sportiva più importante nel Sud e in Italia”.

“Ambiziosa ma affascinante, ha osservato il presidente del CONI Puglia Elio Sannicandro, nel ricordare i progetti comuni con la Regione, che valorizzano lo sport con interventi che lo legano alla salute, al marketing territoriale ed ora all’economia, proprio con la Fiera di Gravina.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*