Mostra fotografica: “Nel silenzio…, Poesia”

dsd

Presenta

Nel silenzio…, Poesia”

Mostra fotografica di

Antonio Burzo

Ospite la poetessa Maria Antonietta D’onofrio con il suo libro “Albagia”

Via Luisa Sanfelice , 6 rione “ Dirupo “ Pisticci MT

Vernissage 8 Dicembre 2016 ore 19,00

La mostra resterà aperta dall’8 al 18 Dicembre 2016 ore 17.00 – 20.00

Media Partner Radio laser

Antonio Burzo, manifesta la passione per la fotografia intorno agli anni Settanta, per circa quaranta anni testimonia e interpreta fatti privati e storici costruendo con le immagini l’archivio della memoria. Allievo dei Maestri Mario Cresci e Lello Mazzacane.

Contribuisce con alcune sue opere al libro “Lezioni di fotografia” Editore: Laterza (22 dicembre 1983)

dsaTra l’artista e Pisticci, in particolare con il “Dirupo”, la Terra vecchia, il rione in cui è nato ed ha vissuto fino all’adolescenza si è stabilito da tempo un rapporto simbiotico, il paesaggio è entrato nel suo immaginario attraverso varchi e camminamenti segreti. Lo spazio urbano raffigurato come un percorso, un itinerario che con l’attraversamento dei vicoli e grazie al carisma implicito in esso, mirerebbe ad un ricordo complessivo del tempo delle origini in cui poter ridefinire e rifondare il senso dell’esistenza.

Le sorprendenti vedute del “Dirupo” realizzate da Antonio Burzo con uno stile inconfondibile e personale, ci conducono in un percorso segnato da punti immediatamente riconoscibili, familiari, rassicuranti determinando una dimensione assoluta ed eterna.

Maria Antonietta D’onofrio “la scrittrice delle piccole voci”, vive e lavora come medico di famiglia a Pisticci.

Interessata alle problematiche inerenti la violenza sulle donne , sui bambini e la difesa delle “diversità” conferisce alla lettura e alla scrittura valore terapeutico. Le considera forze trainanti di salvezza, giustizia, pace e crescita individuale e sociale.

La poetessa, presente al vernissage della mostra fotografica “Nel silenzio…, Poesia” proporrà alcune sue liriche tratte da “Albagia” editore Franco Mannarino.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*