Frecciarossa: Castelluccio, adesso dotare stazione Ferrandina di nuovi servizi

Con la stessa velocità con cui è stato attivato, e mi auguro viaggerà, il Frecciarossa lungo la tratta ferroviaria Potenza-Ferrandina-Metaponto e viceversa, bisogna pensare di dotare la stazione di Ferrandina di servizi adeguati a cominciare da un’area di parcheggio auto. Lo sostiene il vice presidente del Consiglio Regionale Paolo Castelluccio (Fi) sottolineando che la stazione di Ferrandina è attualmente in uno stato certamente poco decoroso e necessita di un’ampia zona dove gli utenti del nuovo servizio ferroviario possano parcheggiare la propria auto con la sicurezza della vigilanza. E’ presumibile che molti materani e residenti nei comuni del comprensorio di Ferrandina per comodità decidano di utilizzare la propria auto da riprendere al ritorno. A proposito di sicurezza – aggiunge – è altresì indispensabile provvedere a predisporre nuovi servizi di controllo da parte delle forze dell’ordine sia per la maggiore affluenza prevista che per la presenza, a pochi metri, di un Centro accoglienza immigrati che, senza alcuno spirito di prevenzione, registra un numero di extracomunitari in giro per l’area e la stazione soprattutto in mancanza di alternative rispetto alla vita oziosa nell’isolato centro. Non sfugga che dotando la stazione di servizi moderni ed adeguati si potranno creare nuovi posti di lavoro stabili in una serie di attività di servizi per passeggeri e famiglie.

Castelluccio segnala che anche per la stazione di Metaponto si deve provvedere ad interventi di riqualificazione e potenziamento dei servizi come il borgo di Metaponto deve essere dotato di strutture funzionanti non solo nella stagione estiva.

Poiché le stazioni ferroviarie sono da sempre il “biglietto da visita” della città di fermata e sono il primo impatto dell’accoglienza – conclude – si tratta di evitare che chi arrivi a bordo del Frecciarossa avendolo scelto come mezzo di viaggio veloce e moderno specie per raggiungere Matera si ritrovi in situazioni di precarietà e degrado.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*