COMUNITA’ LUCANI IN ROMANIA: ININIZIATIVE INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA’

Per la comunità di lucani in Romania (circa 4mila, a cui aggiungere un altro migliaio di emigrati-pendolari tra il Paese dei Balcani e la Basilicata) associati al Movimento Lucani nel Mondo l’integrazione con la comunità del Paese ospitante è fatta anche di partecipazione alla Festa nazionale e ad iniziative di solidarietà sociale. Il Presidente di Palazzo Italia Bucarest – punto di riferimento non solo per i lucani ma per tutti gli italiani – Giovanni Baldantoni insieme alla moglie Enza Barbaro ha partecipato alla festa nazionale rumena con una delegazione di bambini ospiti a Bacau dell’istituto per minori abbandonati e ragazze madri diretto da Suor Michela Martiniello delle Suore del Gesù Redentore depositando una corona di fiori ai caduti in guerra. Il centro nella cittadina rumena negli anni si conferma una testimonianza importante della solidarietvista-centro-infanzia-2à italiana in Romania. Senza il sostegno e il contributo di piccoli imprenditori, cittadini e parrocchie italiane l’istituto non potrebbe occuparsi dei ragazzi tenuto conto dei limiti dei fondi statali. Palazzo Italia – dice Baldantoni – non è solo un incubatore di imprese e un ponte per l’export-import Romania-Italia ma anche un incubatore di sana solidarietà specie a favore delle emergenze sociali più diffuse nei Paesi Balcani tra cui i bambini. Promuoviamo iniziative e sosteniamo in particolare le suore del Gesù Redentore che qui lavorano con grande impegno già da molti anni. E per tutto il periodo di festività natalizie sono numerose le azioni solidali che partono da Palazzo Italia. Integrazione per questi lucani non è solo promuovere business ma anche lavoro per tanti rumeni e poi sentirsi vicini a chi ha bisogno.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*