Modarelli: Disagi per gli studenti del Liceo Classico e Artistico di Nova Siri

Con nota protocollata in data 01 Dicembre 2016 rivolta al Presidente della Provincia Dott. Francesco De Giacomo il consigliere provinciale di Forza Italia Gianluca Modarelli chiede un celere intervento agli organi competenti al fine di porre fine ad un problema che investe, ormai da tempo, gli studenti pendolari del liceo classico e artistico “Pitagora” di Nova Siri.

Tali studenti – dichiara Modarelli – sono costretti a subire un notevole disagio determinato dal fatto che la compagnia di trasporti “SITA SUD”, aggiudicataria dell’appalto, durante la settimana e, segnatamente, il martedì, mercoledì e giovedì in cui gli studenti escono da scuola alle ore 13:15, per la tratta Nova Siri – Policoro mette a disposizione un solo autobus, che per il numero di studenti pendolari, peraltro noto alla compagnia di trasporti, risulta assolutamente insufficiente. Ciò oltre a causare danni – continua Modarelli – alle famiglie degli studenti che il più delle volte si vedono costretti a recarsi presso il Paese di Nova Siri per recuperare i propri figli, aggrava anche la posizione di quei ragazzi, invece, che non possono contare per i motivi più disparati e legittimi, sulla propria famiglia e sono costretti ad attendere l’autobus successivo delle ore 14:15, trattenendosi per più di un’ora fuori dall’istituto scolastico esposti, oltretutto, a qualsiasi tipo di rischio durante quel lasso di tempo.

Nonostante i numerosi solleciti rivolti alla compagnia di trasporto nel senso di mettere a disposizione un secondo autobus per l’ora di punta, ovvero le 13.15, nulla sino ad ora si è mosso. In tale contesto, – conclude Modarelli – stante la legittimità della doglianza degli studenti del liceo classico di Nova Siri e delle rispettive famiglie, sollecito un intervento urgente da parte della Provincia di Matera onde trovare, a stretto giro, una soluzione al problema legato al trasporto di cui sopra.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*