Let’s talk about shame – INDAGINE SUI NON ABITANTI

Da lunedì 21 fino a domenica 27 Novembre 2016  il centro di documentazione e ricerca

Architecture of Shame, realizza un programma di incontri, esposizioni ed interventi che prende forma dalla recente ricerca INDAGINE SUI NON ABITANTI, ambientata a Venezia.

Architecture of Shame è un centro di ricerca e documentazione  di Matera che indaga la relazione tra architettura e vergogna e le complesse implicazioni che essa determina nella cultura urbana Architecture of Shame è un progetto patrocinato e sostenuto da Matera 2019.

Attraverso interviste e materiali d’archivio, la ricerca ha esplorato la storia di Campo di Marte alla Giudecca intorno al 1984, quando il Comune di Venezia con l’ATER, decisero di realizzare un nuovo complesso di case popolari attraverso un concorso internazionale – vinto da Rossi, Aymonino, Siza e Moneo – scegliendo di trasferire gli abitanti al Lido e Burano.

La condizione di sospensione dei non-abitanti, a metà tra senso d’appartenenza ed estraneità,

è un carattere che mette in relazione immediata Venezia con Matera, dove gli abitanti dei Sassi furono spostati verso l’architettura moderna.

INDAGINE SUI NON ABITANTI è la prima tappa di un percorso di approfondimento, confronto e riflessione che Architecture of Shame ha scelto di aprire a Venezia, sul rapporto tra insediamento storico e case popolari, sul legame intimo tra persone, identità e luoghi, e che vedrà lo sviluppo e la conclusione a Matera, nel 2019.

ATER Venezia, partner dell’iniziativa, ha aperto i propri archivi ad Architecture of Shame, permettendo di consultare materiale inedito, e da martedì 22 Novembre ospita sulle proprie vetrine di Dorsoduro 3507 un’introduzione in vetrofania della ricerca, che sarà visibile fino a domenica 27.

AoS collabora con il Padiglione Grecia alla Biennale di Venezia 2016 # ThisIsA Co-op affrontando due dei temi alla base della ricerca curatoriale del Padiglione: Space as Commons e Urban Crisis.

Il programma che si svolge durante l’ultima settimana di apertura della Biennale di Venezia prevede l’inizio delle attività lunedì 21 all’interno del Padiglione Grecia, per spostarsi in città in vari luoghi, e ritornare domenica 27 al Padiglione dove si aprirà una discussione di confronto che parte dalla ricerca di Architecture of Shame ‘INDAGINE SUI NON ABITANTI’ e si allarga alle relazioni tra architettura e vergogna.

Chiude il programma un’incontro all’IVESER attraverso un incontro che raccoglie diversi interventi per interpretare i risultati e proporre orientamenti per lo sviluppo futuro del progetto.

IL PROGRAMMA

Lunedì 21

Giardini della Biennale / Padiglione Grecia

installazione di Architecture of Shame WHAT ABOUT ARCHITECTURE AND SHAME all’interno del Padiglione chiedendo ai visitatori di reagire e partecipare

Martedì 22

ATER Venezia / Dorsoduro 3507

Inaugurazione della grafica informativa sulla ricerca INDAGINE SUI NON ABITANTI alla presenza della Direttrice Avv. Roberta Carrer, dell’Arch. Stefani Spiazzi e di Architecture of Shame

Giovedì 24 e Venerdì 25 ore 11-18

Isola della Giudecca / Calle Mason

Esposizione delle video interviste ai non-abitanti in relazione all’edifico ATER progettato da Alvaro Siza

Sabato 26

Isola della Giudecca / Calle Mason ore 11-18

Incontro con i NON-ABITANTI

Chiusura dell’esposizione ed incontro con gli attuali ed ex abitanti

Domenica 27

Giardini della Biennale/ Padiglione Grecia ore 11-13,30

WHAT ABOUT ARCHITECTURE AND SHAME? Dibattito sui temi del centro di ricerca a partire dall’esperienza veneziana

Introducono

Eirini Sapka (Padiglione Grecia)

Fabio Ciaravella (Architecture of Shame)

interventi di

Giulia Mazzorin (Biennale Urbana)

Sara Podetti (Biennale Urbana)

Francesco Fontanella

(Archivio Nomade Stalker)

IVESER / Isola della Giudecca ore 16,30 -18,30

Discussione dei risultati della ricerca INDAGINE SUI NON ABITANTI

Carlo Battain (Iveser)

Fabio Ciaravella (Architecture of Shame)

con interventi di

Franco Mancuso (IUAV, IVESER)

Paolo Verri (Matera 2019)

Stefania Spiazzi (ATER Venezia)

Roberto Cremascoli (Padiglione Portogallo)

Maria Kassola (Padiglione Grecia)

Andrea Curtoni (Biennale Urbana)

Il programma di Architecture of Shame a Venezia è stato reso possibile grazie alla collaborazione di  :

ATER Venezia

IVESER – Istituto Veneziano per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea

Padiglione Grecia – XV Biennale di Venezia

Architecture of Shame è un progetto patrocinato da Matera 2019 e in collaborazione con

Biennale Urbana

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*