PREMIO THALIA 2016: QUATTRO “ESEMPI VIRTUOSI” DI PROMOZIONE DEL TERRITORIO

Quattro storie di promozione del territorio, quattro “esempi virtuosi” da seguire per valorizzare il patrimonio storico-culturale, eno gastronomico, naturalistico della regione con l’obiettivo di attrarre sempre più turisti e produrre benefici all’economia locale. E’ il significato della cerimonia di conferimento del Premio Thalia 2016 che si è svolta ieri a Potenza all’interno del Festival di Potenza con la presenza del presidente e del segretario del Centro Studi Turistici Thalia Piero Scutari ed Arturo Giglio. Riconoscimenti a soggetti sociali ed imprenditoriali di impegno come quello andato all’ing. Alfredo Cestari, titolare della Winfly, un esempio di caparbietà nel portare avanti, gettando il cuore oltre gli ostacoli, per far “spiccare il volo” allo sviluppo delle pmi facilitando la mobilità di passeggeri, merci e progetti imprenditoriali perché la Basilicata e con essa un’area meridionale più ampia hanno bisogno, prima di tutto, di infrastrutture e servizi adeguati a rafforzare la mobilità di turisti ed imprese. Il Cs Thalia ha voluto segnalare anche l’iniziativa sociale del volo-pellegrinaggio a Medjugorie. L’ing. Cestari ha annunciato un evento in programma il 7 dicembre prossimo presso la struttura aeroportuale di Pisticci per firmare un’intesa di partenariato tra Provincia e Comune di Matera e Provincia e Comune di Salerno, in collaborazione con Cciaa e Confindustria Matera-Salerno e con la partecipazione di Comune e Provincia di Potenza. Michele Sperduto, nel ritirare il premio per l’Associazione “U Uattënniérë”, associazione per la valorizzazione delle cascate di San Fele, ha ammesso che nessuno si sarebbe mai aspettato di raggiungere in un solo anno 40mila visitatori alle cascate. Siamo partiti con un gruppo di visionari innamorati del nostro territorio per sviluppare un impegno – ha detto – che con grande passione proseguiamo rafforzati dal Premio per accrescere la capacità di trasmettere ai visitatori conoscenze, informazioni ed emozioni. Un impegno innanzitutto d’amore per il paese che quindi va incoraggiato e sostenuto direttamente da Regione ed Apt per i benefici all’economia locale come alle attività di commercio, turismo, servizi, artigianato. A conferire il premio a Sperduto è stato il presidente di Confcommercio Potenza Fausto De Mare. Per la Pro Loco di Avigliano il premio è stato ritirato dalla presidente Carmen Salvatore. Il Protocollo tra la National Gallery di Londra e il Comune di Avigliano, che ha fatto arrivare a Londra i Quadri Plastici di Avigliano, è stata la “ciliegina sulla torta” per il meritato riconoscimento di una passione senza risparmio di energie rivolte a tutte le attività presenti nel territorio di cui cultura, enogastronomia, tradizione, artigianato, storia natura sono gli elementi essenziali. Un punto di riferimento per le altre Pro Loco per come è possibile raggiungere obiettivi prestigiosi. Salvatore ha condiviso il Premio con tutta la squadra dei Quadri Plastici e con quanti da decenni lavorano in Pro Loco. Infine, Rosita Labanca, presidente della Pro Loco Acermons di Agromonte (Latronico) ha ritirato il Premio attribuito per “il merito di realizzare eventi tra i quali lo spettacolo teatrale “Fuori i Borboni” giunto alla sua quarta edizione e messo in scena nel boschetto di Lucarelli ed in ultimo la collaborazione e forme di interscambio con le Proloco salentine”. Un lavoro – ha detto Labanca – a 360 gradi coniugando spettacolo e turismo e tutte le risorse del territorio sino a gettare le basi per un ponte Lagonegrese-Salento dimostra che, grazie a semplici iniziative, si può diventare “ambasciatori” del “made in Basilicata” non solo nelle regioni limitrofe e che le reti di associazioni e di imprese possono divenire subito produttive. Per Scutari (Cs Thalia) le quattro storie dimostrano che fare promozione del turismo partendo da un impegno diretto di cittadini, associazioni, imprese è la chiave del successo per una destinazione – quella della Basilicata, con tutte le sue peculiarità e le su diversità di target – che si deve sempre meglio caratterizzare per la particolare offerta all’insegna della genuina ospitalità.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*