ADDUCE, MATERA MEDAGLIA D’ORO PER IL 21 SETTEMBRE 1943

“Con grande emozione oggi ho partecipato alla cerimonia di consegna al sindaco di Matera della medaglia d’oro al merito civile da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Durante il mio  mandato da sindaco, ho avvertito forte la necessità di contribuire a realizzare un risultato che la città attendeva da più di 70 anni.  E nel 2013 grazie al prezioso lavoro di storici materani e all’apporto di diversi studiosi primi fra tutti Francesco Ambrico, Lello Giuralongo e Vittorio Sebastiani abbiamo raccolto una corposa ed aggiornata documentazione che abbiamo trasmesso insieme all’accorata richiesta di riesame del “caso Matera” al Ministro dell’interno. Grazie alla sensibilità del Vice ministro Bubbico, gli uffici del ministero hanno provveduto ad istruire la nostra richiesta ricostituendo la commissione che si occupa di questi casi, commissione che in verità non veniva da tempo convocata e che nel frattempo aveva perso gran parte dei suoi componenti. Abbiamo inteso quel lavoro come un vero impegno civile che dovevamo innanzitutto ai martiri del 21 settembre 1943, ai loro familiari e a tutti i materani che considerano quella data come uno spartiacque storico tra passato e futuro. Ancora una volta abbiamo dimostrato che l’attenzione nei confronti della nostra città è una conquista frutto di impegno, di lavoro, di studio e soprattutto di condivisione visionaria.
La medaglia d’oro va intesa non solo come un traguardo raggiunto, ma come un nuovo punto di partenza per recuperare quei valori costruendo nuovi percorsi di sensibilizzazione, a partire dalle scuole, dalle associazioni culturali, dalle organizzazioni politiche,dalle famiglie.
Questo prezioso riconoscimento, insomma, non dovrà orgogliosamente essere solo una medaglia da mettere in cornice, ma credo debba essere interpretato come una nuova responsabilità di impegno civile, etico e morale che ci dovrà sempre accompagnare, oltre il 2019, e di cui tutti ci dobbiamo fare carico”.
Salvatore Adduce

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*