LO SPORT ATTRAVERSO I SENSI. SCHERMA-KARATE E SITTING VOLLEY NEI POMERIGGI SPORTIVI DEL SAN CARLO

Hanno preso il via,  nella palestra dell’Unità Operativa di Medicina Fisica e Riabilitazione, diretta dal dottor Domenico Santomauro, le attività sportive previste dalla convenzione stipulata tra Azienda Ospedaliera San Carlo e Comitato Italiano Paralimpico, nell’ambito dell’azione di sostegno a qualsiasi tipologia di disabilità. Il San Carlo promuove il progetto “Lo sport attraverso i sensi”, in collaborazione con qualsiasi soggetto sensibile al tema. Le attività avranno luogo per alcuni pomeriggi in base a un calendario mensile che verrà comunicato ai partecipanti ( il martedi e il giovedi sono i giorni prescelti) .

Le discipline incluse nel progetto sono: Karate e Scherma integrate (da poter praticare anche in carrozzina) e Sitting Volley (praticabile da seduti al di là di qualsiasi carrozzina, con squadre miste, con atleti con e senza limitazione). Per chi mostri particolare attitudine e voglia di avvicinarsi all’ agonismo è previsto l’ avviamento a competizioni sotto tutela e tesseramento da parte del Comitato Paralimpico. Per quanto riguarda il sitting volley si spera in futuro di poter formare un gruppo per la costituzione di un squadra partecipante ad un campionato italiano (le squadre sono composte da atleti con e senza limitazione). Per altre discipline (tennis e paraciclismo) è previsto un percorso di preparazione motoria da integrarsi in strutture esterne in tempi successivi.

Le lezioni e la preparazione motoria saranno tenuti da responsabili riconosciuti dalle federazioni, con la supervisione del referente ospedaliero per la riabilitazione sportiva e l’avvio sport disabili il dottor Gennaro Gatto, in maniera tale da favorire il mantenimento, il monitoraggio, ove possibile il miglioramento delle condizioni di salute tramite la pratica sportiva

Per ulteriori informazioni: gennaro.gatto@ospedalesancarlo.it. Il progetto è totalmente gratuito per i partecipanti e non ha alcuni limite di restrizione per fasce di età, né per patologia.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*