Cos’è “We are the people”, il progetto di sostituzione etnica dei Lucani voluto da Pittella?

Tutti ne parlano ma nessuno sa cosa comporta. Parliamo del famigerato progetto immigrazionista “We are the people”. Pittella è andato a pubblicizzarlo persino in tv, ma non si è ancora degnato di parlarne ai Lucani e si è guardato bene dall’affrontare la questione in Consiglio regionale.

Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata al Presidente della Giunta regionale affinchè venga ad esporre il progetto in Consiglio ovvero nella sede deputata ad esprimere l’indirizzo politico della Regione.

Sono mesi che, insieme al Dipartimento regionale Immigrazione e Integrazione coordinato da Francesca Messina, cerchiamo di venire a capo delle intenzioni della Giunta sul raddoppio degli immigrati clandestini in Basilicata. Non riusciamo davvero a comprendere come mai Pittella si sia incaponito con questo progetto quando tutte le statistiche dicono che gli immigrati che ospitiamo non vogliono rimanere in Basilicata. Forse pensa di allettarli? O forse il motivo è più ‘economico’ che solidaristico?

Avevamo chiesto formalmente il protocollo d’intesa stipulato da Pittella il 3 ottobre scorso, con gli amici di Soros, Sawiris e Mansour. Sapete cosa ci hanno consegnato? Il protocollo, pieno di belle intenzioni quali “dare vita … ad un modello innovativo di economia in grado di integrare i flussi di migranti…” “… sviluppare il progetto “WE ARE THE PEOPLE”, senza il progetto. Dunque, dobbiamo pensare o che questo progetto in concreto ancora non esiste o che esiste e vogliono tenerlo nascosto. In entrambi i casi Pittella dovrà riferirci in Consiglio.

Certo, pensare che Pittella vada a presentare in giro per l’Italia un modello di integrazione, a promuovere la Basilicata come regione simbolo dell’accoglienza, senza sapere in cosa si concretizza questo modello, ci pare improvvido persino per lui.

Sicuramente, però, si tratta di un progetto a lungo termine e allora ci chiediamo come sia possibile che il Presidente della Regione possa permettersi di decidere il destino della Basilicata, magari anche prevedendo ingenti investimenti, senza consultare l’unico responsabile ad approvare il “Piano  strategico  regionale,  che  delinea  una  visione  di sviluppo della Regione di medio – lungo periodo” così come stabilito dall’articolo 45 del nuovo Statuto: il Consiglio. Riteniamo, quindi, che “We are the people” dovrebbe passare comunque al vaglio dei Consiglieri e, allora, vedremo chi di loro si assumerà l’onere di preferire i clandestini ai lucani.

Tuttavia, visto che Pittella, negli ultimi mesi, passa più tempo ad andare in giro a parlare del progetto “We are the people” che ad occuparsi dei problemi che attanagliano la nostra Regione, riteniamo sia giunto il momento che lo spieghi anche ai Lucani. Lo aspettiamo in Consiglio con le carte in mano a rispondere alla nostra interrogazione.

Potenza, 14 novembre 2016

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*