Aliano tra Parchi letterari e candidatura a capitale cultura

“Se ce l’ha fatta Aliano, vuol dire che possono farcela an[supsystic-gallery id=null position=center]che gli altri piccoli paesi del Sud”. Così, nella serata di ieri, ha detto il sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, ospite all’evento nazionale che ad Aliano ha fatto confluire i rappresentanti dei Parchi letterari d’Italia, ricordando quanto il paese sia ormai un fiore all’occhiello della Basilicata per la sua offerta culturale e turistica. Il confronto tra i responsabili di quindici Parchi ha riguardato le questioni relative alle nuove azioni da intraprendere nel 2017 per richiamare l’attenzione, sempre di più, sulla grande ricchezza rappresentata dai patrimoni letterari e dalla rete nazionale dei luoghi che, “per importanza sul piano storico-testimoniale, architettonico e di richiamo dell’identità anche sotto il profilo economico e socialparchi-5e, svolgono un ruolo importante anche come meta di viaggio nell’ambito delle politiche di turismo responsabile e sviluppo sostenibile”. All’incontro hanno partecipato Alessandro Masi (segretario generale della Società Dante Alighieri), Stanislao de Marsanich (presidente de I Parchi Letterari Italiani), rappresentanti del ministero ai Beni culturali. Presenti  dieci sindaci lucani, rapprparchi-3esentanti della Provincia di Matera e della Regione Basilicata. L’assemblea dei Parchi ha avuto, indubbiamente, una cornice che ha impreziosito la manifestazione: il paese celebrato da Carlo Levi, infatti, è in corsa per il titolo di capitale italiana della cultura per il 2018. Entro novembre, il ministro Dario Franceschini renderà noto l’elenco dei dieci comuni che faranno parte della “short list”, su 21 partecipanti. E gli amministratori dei Parchi che hanno partecipato ai lavori dell’assemblea hanno espresso compiacimento per la candidatura di Aliano, manifestando sostegno e vicinanza al piccolo centro materano per questa sua bellissima e coraggiosa avventura. Tutti si rivedranno stasera, alle 19, nel complesso monumentale di Santa Maria d’Orsoleo, a due chilometri da Sant’Arcangelo, nell’ambito delle iniziative per la candidatura di Aliano. Non a caso, il sindaco di Matera De Ruggieri ha riconosciuto nella candidatura di Aliano, come in quella di Matera coronata dal successo,la grande forza di confrontarsi a livello nazionale di un paese di circa di 1000 abitanti che è riuscito a realizzare  strutture e contenitori per il turismo che nessun altro centro può vantare”. De Ruggparchi-1ieri ha poi letto un passo del “Cristo si è fermato a Eboli” di Levi, da una delle prime edizioni del libro messa a disposizione dal sindaco di Aliano Luigi De Lorenzo, dal presidente del Parco Levi, Antonio Colaiacovo, e da don Pierino Dilenge, presidente della Pro Loco e del Circolo culturale Nicola Panevino. L’encomiabile azione sviluppata ormai da alcuni anni dal Comune di Aliano per la cultura e il turismo è stata rimarcata da Patrizia Minardi, responsabile dell’Ufficio sistemi culturali della Regione Basilicata, che non solo è impegnata insieme alla delegazione alianese e su tutto il territorio nazionale per illustrare la candidatura a capitale italiana per il 2018, ma è anche attrice nella rappresentazione teatrale sul “Cristo” di Levi che la Compagnia Talia Teatro porta in scena nei comuni della nostra regione. [sangar-slider id=”2108″]

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*