Conferenza dei Servizi su La Recisa, cronistoria ed esito dell’incontro di Pisticci

Lo scorso 11 ottobre 2016, presso la Sala Giunta di Palazzo Giannantonio a Pisticci, si è tenuta la Conferenza di Servizi avente come oggetto “la valutazione e l’Approvazione del Progetto relativo al Piano di Caratterizzazione della Discarica La Recisa”.

Alla Conferenza hanno preso parte il Dipartimento Ambiente e Territorio, l’Ufficio Prevenzione e Controllo della Regione Basilicata, il settore Ambiente della Provincia di Matera, l’A.R.P.A.B, l’Azienda Sanitaria di Matera, la ditta Teknoservice, in qualità di gestore della discarica e il Comune di Pisticci con il personale dell’Ufficio Ambiente, il Sindaco Viviana Verri e l’Assessore all’Ambiente Salvatore De Angelis.

Effettuando una piccola cronistoria sull’attuale situazione della discarica, lo scorso febbraio, a seguito di accertamenti da parte di ARPAB e NOE, vennero riscontrate anomalie nelle analisi sui piezometri S1 – S2 e nella vasca dell’impianto di trattamento acque meteoriche. La Regione chiese al Comune e alla ditta Teknoservice l’attivazione delle procedure previste dalla normativa, la comunicazione delle misure di prevenzione e messa in sicurezza adottate e la trasmissione del Piano di Caratterizzazione. Nello stesso tempo venne diffidato il Comune al ripristino immediato delle condizioni di esercizio della piattaforma.

Nel mese di marzo 2016 ARPAB, durante il campionamento dei piezometri, segnalò la presenza di una chiazza di percolato in prossimità della rampa di accesso al corpo discarica e la Regione optò per la sospensione delle attività della piattaforma per 30 giorni

Nel mese di maggio l’ASM segnalò le violazioni delle prescrizioni AIA, chiedendo al Sindaco di Pisticci di emanare una Ordinanza urgente, tendente al divieto di utilizzo delle acque sotterranee di falda per qualunque scopo, mentre a giugno la Regione fissò un incontro avente come oggetto la revoca dell’AIA e in quell’occasione Teknoservice trasmise il Piano di Caratterizzazione

Nel mese di luglio 2016 la Regione Basilicata emanò il DGR n 776 con cui veniva revocata l’AIA, “non avendo il Comune di Pisticci ottemperato a quanto prescritto nell’atto di diffida e sospensione prot. 58166/19AB del 08/04/2016 “

Vista la situazione assai critica circa la discarica La Recisa, il Comune di Pisticci ha richiesto una Conferenza dei Servizi in cui le parti hanno concordato quanto segue: Teknoservice produrrà una relazione di tutti gli interventi di messa in sicurezza posti in essere,più volte richiesti e disattesi. In merito al Piano di Controllo consegnato dalla ditta, i convenuti lo hanno approvato con alcune prescrizioni di tipo tecnico, tra le quali la richiesta di integrazione di un numero di piezometri a valle dell’impianto e l’integrazione delle analisi su alcuni specifici componenti; inoltre viene chiesto di prevedere nel Piano di monitoraggio la ricerca, nelle acque sotterranee, dei parametri indicatori di inquinamento organico.

Al di là delle considerazioni tecniche, che comunque permetteranno alla ditta di ottemperare alle richieste degli Enti preposti, la Conferenza di Servizi ha raggiunto un obiettivo importante, ovvero il riavvicinamento tra la Regione ed il Comune, superando la situazione critica che ha caratterizzato il primo semestre del 2016 e che ha portato alla revoca dell’AIA per la Recisa.

 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*