INFRASTRUTTURE MATERA: CASTELLUCCIO, UN CHIARIMENTO DAL MINISTRO DELRIO

Il Ministro Franceschini non è l’unico del Governo Renzi a dimenticare l’aviosuperficie di Pisticci. Anche il Ministro Delrio ieri da Bari, dall’assemblea Anci, nel suo elenco di opere infrastrutturali per Matera 2019, snocciolato ai microfoni delle televisioni, oltre al potenziamento della linea Fal Matera-Bari e della linea ferroviaria Taranto-Potenza e ai progetti già noti per la viabilità, non prende in considerazione la struttura aeroportuale della ValBasento. E’ quanto afferma il vice presidente del Consiglio Regionale Paolo Castelluccio (Fi) per il quale si impone da parte del Ministro alle Infrastrutture un chiarimento sulle affermazioni espresse in interviste tv secondo le quali “tutto è pronto per il 2019 perché il Governo si è mosso in tempo per potenziare le infrastrutture”. Noi siamo come San Tommaso e riteniamo che quelle dichiarazioni hanno bisogno di un chiaro, trasparente ed efficiente cronoprogramma su tempi e poste finanziare, come del resto stiamo chiedendo da tempo.

La smentita più autorevole all’ottimismo di Delrio, condivisa dal collega Franceschini – aggiunge – è venuta oggi dal sindaco di Matera De Ruggieri che ha messo il “dito nella piaga”: i soldi annunciati per primo da Renzi nella sua visita a Matera sono solo sulla carta, mentre la situazione finanziaria si fa sempre più complicata per il Governo alle prese con le ben note difficoltà di far quadrare il bilancio, definire il Documento di programmazione economica in linea con le disposizioni-imposizioni della Commissione Europea. Il Governo deve perciò dimostrarsi responsabile e non utilizzare le cifre di investimenti e spesa pubblica come propaganda magari per il referendum. Pertanto, condivido la posizione dell’Amministrazione Comunale di Matera che rifiuta la scelta che si vorrebbe imporre – o più strade o più ferrovie – e condivido la posizione espressa dagli operatori turistici attraverso il Centro Studi Thalia perché anche l’aviosuperficie Enrico Mattei abbia la sua considerazione nazionale e quindi non sia scaricata solo su Regione e Consorzio Asi Matera.  Matera e il Materano – afferma Castelluccio – hanno necessità e diritto di collegamenti rapidi ed efficienti su ferrovia, strade e con aereo.

A Bruxelles negli incontri di monitoraggio avuti da parte dei rappresentanti della Fondazione le sollecitazioni ad accelerare in tema di infrastrutture sono state categoriche come l’invito a non sottovalutare che i turisti europei per raggiungere Matera utilizzano solo l’aereo e non bastano i voli con Bari.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*