Domenico Maraglino coordinatore della Commissione De.C.O.

Imminente la pubblicazione di un avviso pubblico per la scelta del logo
L’assessore Varvara: «Avanti verso la valorizzazione dei nostri prodotti agroalimentari»

È Domenico Maraglino il coordinatore della Commissione per l’attribuzione del riconoscimento della Denominazione di origine comunale. L’imprenditore agricolo è stato eletto nei giorni scorsi dalla stessa Commissione, al termine di una seduta alla quale ha partecipato anche l’assessore alle attività produttive, Sergio Varvara. «Una riunione convocata per programmare nuove, importanti iniziative», spiega Varvara, formulando auguri di buon lavoro al neocoordinatore ed accendendo i riflettori sulle azioni pianificate: anzitutto, una serie di incontri con produttori, artigiani e associazioni del territorio per presentare i vantaggi legati al marchio De.C.O.. Uno strumento, ricorda l’assessore, «che rappresenta la carta d’identità di un prodotto ed è utilissimo per legarlo inequivocabilmente all’area di provenienza, con ciò salvaguardando e incentivando le produzioni autoctone e, al tempo stesso, promuovendo all’esterno le specificità storiche e culturali locali». Un obiettivo da raggiungere anche attraverso l’avviso pubblico – che sarà pubblicato nei prossimi giorni – per la realizzazione di un logo che varrà ad identificare tutte le attività scaturenti dall’applicazione del regolamento sulla Denominazione comunale di origine, approvato dal consiglio comunale gravinese nel giugno 2015 al fine di individuare le eccellenze agro-alimentari cittadine, definire i disciplinari di produzione e proporre attività tese alla valorizzazione dei prodotti. Compiti demandanti in primis alla Commissione, i cui componenti (tutti qualificati professionisti del comparto agroalimentare) operano a titolo gratuito. «Si è messo in moto – aggiunge Varvara – un meccanismo virtuoso: se da un lato si avranno positive ricadute per i produttori, soprattutto in termini di sviluppo delle economie di scala, dell’allargamento del mercato potenziale e di certificazione della qualità dei propri prodotti, dall’altro si avrà un indubbio vantaggio per il nostro territorio, la sua crescita ecosostenibile e l’intensificazione degli scambi con altre realtà, in maniera tale da garantire nuove relazioni di rete, essenziali sul piano economico, culturale e sociale».
Gravina in Puglia, 11 ottobre 2016

Ufficio Stampa
Comune di Gravina in Puglia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*