IL RUP ASM DAVIDE FALASCA SU PRESUNTI DISAGI AL CUP DI POLICORO

“DISAGI NON ACCERTATI – LA ASM GARANTISCE I LEA, NON L’OCCUPAZIONE”

Con riferimento alle notizie di stampa apparse oggi, secondo cui il 22 settembre scorso si sarebbero verificati disagi per gli utenti al Cup di Policoro, il rup (responsabile unico del procedimento) del servizio Cup Asm Davide Falasca precisa che le ore complessive messe a gara dall’Azienda sanitaria sono esattamente quelle del precedente appalto, per come rideterminate da due spending review applicate per obbligo di legge.

“Di fatti -spiega Falasca- i dipendenti del Cup svolgono lo stesso numero di ore che in precedenza, con l’unica variante che in passato c’era un contratto di solidarietà che garantiva agli operatori un salvagente reddituale ed ora no, per il cambio del soggetto aggiudicatario. Né è sia pur astrattamente ragionevole pensare che la Asm aggiri il limite di ore imposto dalla spending review e fissato dall’appalto, tramite un artificioso ed ingiustificato incremento a posteriori delle ore richieste alla ditta aggiudicataria. Non vorremmo -precisa ancora Falasca- che i disagi siano
frutto di un’azione strumentale che punta ad indurre la Regione Basilicata ed ASM ad un  incremento di ore ad oggi inattuabile. Il sospetto vdopo che questa mattina il Direttore Amministrativo del P.O. di Policoro Rocco Ierone
ed il coordinatore delle attività territoriali Vito Cilla, hanno fotografato (foto allegate) una situazione di assoluta normalità agli sportelli presenti nell’ospedale di Policoro. E’ perciò inutile -conclude Falasca- gridare ai disagi per
costringere ad incrementi ora più che mai inammissibili. La Asm e’ impegnata a garantire i Lea (livelli essenziali di assistenza) e non altro,pur comprendendone le ragioni occupazionali.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*