La Regione non può ignorare i bisogni dei più deboli.

newsletterHeader-01
La Regione non può ignorare i bisogni dei più deboli. Richiesta audizione della Franconi per risolvere la vicenda delle terapie extramurali nelle scuole.

La vertenza AIAS di Potenza, come apprendiamo dalla stampa degli ultimi giorni, è ancora lontana da una chiara risoluzione. Abbiamo raccolto l’allarme lanciato dalle famiglie degli alunni disabili, preoccupate dall’eventualità di vedere sospese, nell’anno scolastico appena iniziato, le terapie extramurali ai propri figli. A riguardo si sono ricorse notizie frammentarie e spiegazioni lacunose che non hanno reso un quadro univoco della questione e non hanno tranquillizzato le famiglie interessate.

In una lettera inviata oggi al Presidente della IV Commissione, abbiamo invitato il Dott. Bradascio, a calendarizzare, nel più breve tempo possibile, un’audizione dell’Assessore Franconi su questa vertenza.

La vicenda si trascina da diversi mesi e investe i rapporti finanziari tra l’AIAS di Potenza e il Servizio Sanitario regionale, rientrando in un piano di riordino dell’ASP e nel modello socioassistenziale che si vuole perseguire in Regione.

Nella seduta del 22 giugno 2016 della IV Commissione Consiliare Permanente, il primo punto all’ordine del giorno, riguardante la vertenza AIAS, prevedeva l’audizione dell’Assessore Franconi. Peccato che proprio l’Assessore sia stata la grande assente in quella seduta. E non è la prima volta che la Franconi ha disertato i lavori della Commissione.

Senza volerci addentrare nel merito tecnico-economico della questione, quello che ci preme evidenziare è che la vicenda dovrebbe rientrare nelle priorità delle politiche sanitarie di questa Regione. Invece, ci troviamo a denunciare, per l’ennesima volta, l’assenza ingiustificata, proprio della politica, in questioni importanti e le gravi ripercussioni sulle fasci deboli della nostra società.

Alla luce di un programma di razionalizzazione delle spese, c’è bisogno di un serio approfondimento sulle prestazioni sanitarie che sono da garantire. Sono consapevoli, qui in Regione, che è la politica ad assumersi la responsabilità di queste scelte? Ovviamente non lo sono se rifuggono da un doveroso ed improcrastinabile dibattito.

Le famiglie hanno urgente bisogno di una chiara presa di posizione, hanno il sacrosanto diritto di conoscere se e cosa cambierà nell’assistenza ai loro figli.

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*