MESOTELIOMA: TRISTE PRIMATO ALL’ARSENALE M.M. DI TARANTO

Sono 46 i casi di mesotelioma accertati dal ReNaM COR Puglia in operai civili dell’Arsenale MM di Taranto. Dati da brivido quelli che emergono dal Registro Mesoteliomi COR Puglia e che confermano i danni causati dall’amianto nel personale civile e militare che ha lavorato negli Arsenali di Taranto e Brindisi e a bordo del naviglio marina militare. Sono complessivamente 82 i casi di mesotelioma , il tumore alla pleura causato dall’amianto, precisamente 46 operai dell’Arsenale MM di Taranto , 3 operai dell’Arsenale MM di Brindisi e 33 militari marina , una situazione che rafforza le preoccupazioni di Contramianto sugli eccessi di patologie asbesto correlate nei lavoratori Arsenale , indotto e Marina Militare. Dei 46 arsenalotti di Taranto colpiti da mesotelioma, due sono donne entrambe dell’ex Reparto Vele e Bandiere , quarantaquattro sono uomini che hanno svolto le più disparate mansioni lavorando nelle officine e a bordo di navi e sommergibili: Aggiustatore Meccanico, Coibentatore, Collaudatore Meccanico, Congegnatore , Elettricista, Cuoco a terra ed a bordo, Elettromeccanico, Meccanico di armi subacquee, Motorista, Tornitore, Tubista, Carpentiere, Conduttore di Caldaie, Congegnatore Meccanico, Magazziniere del deposito amianto, Meccanico Motorista, Motorista Montatore, Tornitore Meccanico , un elenco non esaustivo ed in continua evoluzione con nuovi casi di mesotelioma da valutare. Ma le patologie causate dall’amianto in Arsenale e Marina Militare non riguardano solo i casi di mesotelioma ma sono legate ad altre neoplasie e malattie polmonari. L’archivio Contramianto contiene oltre duecento casi di malati e morti riconducibili alle attività in Marina Militare , Arsenali e Navi  , la gran parte operai Arsenale MM di Taranto e militari della marina, malattie collegate all’esposizione all’amianto anche se non possono essere escluse ulteriori esposizioni a sostanze cancerogene e tossico nocive. Sono complessivamente 198 i casi riferiti da Contramianto alla Commissione Parlamentare d’inchiesta della Camera nelle due Audizioni fatte a Roma il 2 marzo 2016 e a Taranto  il 20 maggio 2016. Dei 198 casi di patologie asbesto correlate o insorte in esposti a fibre di amianto per storia lavorativa e luogo di lavoro registrati in “ Archivio Contramianto “ la maggior parte, riguardano operai civili dell’Arsenale MM di Taranto esposti all’amianto nelle officine dello stabilimento navale tarantino e a bordo del naviglio militare, vi sono anche malattie legate a possibili esposizioni ad amianto indirette in familiari e casi riconducibili all’indotto dell’Arsenale MM di Taranto o ai Cantieri navali Tosi , alcuni dei casi riguardano anche il personale militare della marina. Le patologie asbesto correlate tumorali sono state 104 di questi 58 sono i mesotelioma, 30 i cancro polmonari, 16 i cancro in altra sede, cancro alla laringe , cancro ai reni , cancro alla prostata , cancro al cervello , cancro all’ovaio. Le patologie asbesto correlate non tumorali sono state 94 di queste 32 le asbestosi, 47 Ispessimenti pleurici , 10 Placche pleuriche , 4 Fibrosi Polmonare , 1 Broncopatia. Intanto a Padova e Taranto continuano le inchieste della magistratura e i processi penali per accertare le eventuali responsabilità dei vertici militari per quei decessi e per le malattie causate dall’amianto e da altri fattori di rischio per la salute legate alle attività in marina militare. Prossime udienze al Tribunale di Padova il 19 settembre , dove è in corso il Processo penale Marina Due  e a Taranto con le udienze dell’11 ottobre , decesso per tumore polmonare di operaio ex Zincheria Arsenale MM Taranto , e il 25 Ottobre , operaio Arsenale MM Taranto ammalato per patologia asbesto-correlata . Contramianto ha già riferito alla Procura di Padova su 122 casi , operai Arsenale, indotto e marinai, ed è impegnata al fianco delle vittime e delle loro famiglie affinchè emerga la verità su questa disgraziata vicenda.

Luciano Carleo

Contramianto e altri rischi Onlus

Via Regina Margherita, 1 – 74123 Taranto

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*