“PROPOSTE DI ECONOMIA SOSTENIBILE IN VAL D’AGRI. SUPERARE LE ESTRAZIONI PETROLIFERE E VALORIZZARE LE RISORSE LOCALI”.

PIERNICOLA PEDICINI
Capo delegazione del M5s al Parlamento europeo
Coordinatore della Commissione ambiente e sanità

“PROPOSTE DI ECONOMIA SOSTENIBILE IN VAL D’AGRI. SUPERARE LE ESTRAZIONI PETROLIFERE E VALORIZZARE LE RISORSE LOCALI”. SABATO 2 LUGLIO CONVEGNO A VILLA D’AGRI CON STUDIOSI E ESPERTI DEL SETTORE.

In Val d’Agri non ci sono solo il petrolio e lo scempio perpetrato dalla cattiva politica e dalle commistioni lobbistiche, clientelari e affaristiche. Dopo l’inchiesta giudiziaria Trivellopoli, che sta, finalmente, mettendo in luce le battaglie del M5s, dei cittadini e delle associazioni ambientaliste contro le estrazioni petrolifere, l’inquinamento ambientale e i danni alla salute pubblica, i comuni della Val d’Agri non possono continuare a subire il ricatto delle trivelle a tutti i costi. Per tale ragione, questi territori devono tornare alla propria vocazione storica, economica, sociale e culturale e basare il proprio sviluppo e la propria crescita sul rilancio delle produzioni tipiche locali, sul turismo rurale e ambientale e su progetti di riconversione ecosostenibili legati a politiche innovative di economia circolare sostenute dall’utilizzo dei fondi europei. Per analizzare queste tematiche, il portavoce eurodeputato del M5s-Efdd Piernicola Pedicini ha promosso un convegno-confronto sul tema “Proposte di economia sostenibile in Val d’Agri e opportunità offerte dall’Unione europea. Come superare il modello di sviluppo basato sul petrolio per intraprendere un percorso di tutela e valorizzazione delle risorse locali”. L’iniziativa si svolgerà presso l’Hotel Sirio di Villa d’Agri, sabato 2 luglio prossimo alle ore 16:30. All’incontro interverranno esperti e studiosi che da anni si occupano del tema estrazioni petrolifere in Val d’Agri e ci saranno interventi dedicati a specifiche proposte di rilancio e di riconversione del territorio, nei settori agricoltura, turismo e sviluppo ecosostenibile. Piernicola Pedicini si soffermerà sul tema economia circolare e sostenibile.
Inoltre interverranno rappresentanti dei sindaci della Val ‘d’Agri e verrà presentata l’esperienza portata avanti nell’area della Terra dei Fuochi in Campania dove si stanno attuando con successo iniziative di valorizzazione e rilancio dei prodotti tipici locali.
Dopo il convegno ci sarà un’esposizione dimostrativa e una degustazione di prodotti tipici della Val D’Agri.
Il programma dettagliato degli interventi e dei temi è il seguente:
– Enzo Alliegro – Petrolio e sviluppo ecosostenibile. Origine e declino di un mito.
– Davide Bubbico – L’Impatto occupazionale delle attività petrolifere e lo sviluppo locale in Val D’Agri.
– Antonio Alberti – Proposta di superamento del conflitto tra ambientalisti ed Eni.
– Rappresentanti dei sindaci Val D’Agri – Quale futuro è auspicabile per il benessere comune.
– Gianni Leggieri, portavoce consigliere regionale M5s Basilicata – Fondi per agricoltura e turismo, propulsione per un nuovo concetto di economia.
– Piernicola Pedicini, portavoce eurodeputato M5s – Economia circolare e sostenibile attivata dai fondi europei.
– Fabiana Papa – Progetto Punto zero: un modello per la caratterizzazione e il rilancio dei prodotti del territorio.
– Terenzio Bove – Sinergie tra agricoltura, imprenditoria e turismo. Marchio e consorzio dei prodotti locali controllati.
– Vincenzo Tosti – Comitato Terra dei fuochi. La commercializzazione dei prodotti locali della Terra dei fuochi.
– Domande e interventi del pubblico.
– Antonio Alberti – Sintesi finale dei lavori.
– Piernicola Pedicini – Conclusioni.
Altre informazioni riferite all’iniziativa: convegno-confronto sul tema “Proposte di economia sostenibile in Val d’Agri e opportunità offerte dall’Unione europea. Come superare il modello di sviluppo basato sul petrolio per intraprendere un percorso di tutela e valorizzazione delle risorse locali”.
Sabato 2 luglio 2016 ore 16:30 – Hotel Sirio (via Nazionale, 27) – Villa d’Agri (Marsicovetere – Pz).

PIERNICOLA PEDICINI
Capo delegazione del M5s al Parlamento europeo

Commenta per primo

Rispondi