Pisticci, Ugl a sostegno dei lavoratori in mobilità.

“Siamo favorevoli a tagliare risorse inutili, a ripristinare le eventuali regole che non sono state rispettate ma speculare sulla miseria di un cittadino/lavoratore che deve garantire un minimo di sussistenza famigliare, questo non lo condividiamo. Ci riferiamo a quanto hanno portato a conoscenza Ugl, i 18 lavoratori in mobilità che da due anni prestano la propria opera alle dipendenze dell’Ufficio Tecnico Comunale e dove la neosindaco di Pisticci, Avv. Viviana Verri, con sconcerto, ha fatto sapere che sarebbe volontà dell’Amministrazione Comunale di non volersi fare carico dell’integrazione salariale di loro anzi, nel corso di un’incontro è stato chiesto ai lavoratori di continuare a prestare la propria opera senza nessun esborso da parte del Comune”.
Lo dichiara il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano per il quale, “giustamente nel ricordare che la quota a carico del Comune ammonta a circa 500 euro mensile per lavoratore che va ad integrare l’indennità di mobilità erogata dalla Regione (700 euro circa), unitamente ai lavoratori esprimiamo l’amarezza e l’Ugl – aggiunge il sindacalista -, rimarca quanto la loro opera sia stata utile per i tanti interventi effettuati. Questa nuova amministrazione dovrebbe impegnarsi a recuperare le risorse per garantire alla comunità l’opera dei lavoratori in mobilità e non penalizzare sia il territorio tanto più, i padri di famiglia. Condividiamo, sposiamo la giusta causa e preoccupazione dei lavoratori, dove in un momento di perdurante crisi occupazionale auspichiamo che il Sindaco Verri possa trovare la soluzione che consenta la continuità lavorativa di tutti i 18 ed è evidente che – conclude Giordano – in caso contrario, l’Ugl invita il neosindaco a valutare bene che non potranno dare la loro disponibilità a lavorare gratis in quanto si sentono impegnati a garantire alle proprie famiglie il reddito minimo per un’esistenza dignitosa”.

Commenta per primo

Rispondi