PAPAVERI E PAPERE FILM LUCANO FRA I MIGLIORI FILM SELEZIONATI AL FESTIVAL DEL CINEMA DI ISCHIA.

Anche il film lucano Papaveri e Papere, è stato selezionato dalla giuria del celebre Ischiafilmfestival, rassegna cinematografica che si svolgerà presso il Castello Aragonese di Ischia, dal 25 Giugno al 2 Luglio 2016. Giunta alla sua quattordicesima edizione, la kermesse attribuisce riconoscimenti artistici alle opere audiovisive, ai registi, ai direttori della fotografia e agli scenografi che hanno maggiormente valorizzato location italiane ed internazionali sottolineandone i paesaggi e l’identità culturale. E’proprio di questi giorni la notizia trapelata, che il Film tutto lucano “Papaveri e Papere”, della regista lucana Adelaide Dante De Fino, girato a Matera nel Luglio 2015 con la giovane attrice lucana, di Bernalda Grazia Leone, che ha interpretato la parte da protagonista di Mamma Alberta, film sceneggiato da Nicolas Di Valerio (due volte premio Solinas), che fra i protagonisti anche Dino Paradiso (comico della trasmissione televisiva su mediaset Colorado), e Annarita del Piano oltre anche l’attore Nando Irene. Il film, girato a Matera, racconta la storia “della Matera del 1952, l’anno cruciale in cui il democristiano De Gasperi ai Sassi ebbe l’intento della bonifica di una zona storica e bellissima, ma decaduta in condizioni igieniche e demograficamente compressa. Non tutti a Matera erano in fermento per l’evento politico, tanto che in un piccolo rione borghese, le famiglie s’ingegnano e si adoperano per tirare a lucido i propri pargoli, in vista del grande evento canoro dell’anno. S’infuocava, intanto, la sfida tra due famiglie : Salvetti e Di Pede, i due antiquari della città, opposti anche nella scelta delle canzoni per l’evento canoro italiano. Per i Salvetti è “Tulipan”, mentre per i Di Pede “Papaveri e Papere”. La piccola Chico, tenera bimbetta dei Di Pede, vive l’esperienza con un certo distacco, pari almeno a quanto i genitori sembrano avere nei confronti della bimba, in quei giorni di alta tensione. Mamma e Papà le vogliono bene, ma l’antagonismo verso la famiglia rivale fa perdere loro il contatto con la piccola, che si rifugia spesso e volentieri tra le braccia della vecchia tata “Gabriella”. Attraverso gli occhi innocenti di Chico si rivelano le bizzarrie e le contraddizioni degli adulti di un tempo antico eppure mai oggi così attuali”. Grazia Leone ha interpretato la parte della Giovane mamma “Alberta un pò cattivella”. Lei stessa, Grazia, l’ha incontrata prima di interpretare il personaggio, oggi “la” quasi centenaria, ed ha trovato in lei un carisma e una forza d’animo confidandole che “mai poteva immaginare che la sua storia diventasse un film” poi si è commossa. Un film, quasi una favola moderna, dove vissero tutti felici e contenti , meno che i bambini, dove la storia di un trauma infantile viene ad essere il tema trattato dalla bravissima regista.

REPORTAGE LDM




Commenta per primo

Rispondi