M5S Venosa: il Sindaco “Pinocchio” continua ad arrampicarsi sugli specchi.

Ancora una volta il Sindaco di Venosa ha perso l’occasione di stare in silenzio per evitare pessime figure. È chiaro a tutti che la scuola organizzata dal Pd di Venosa non è servita agli amministratori per capire come funziona il Comune, a cosa serve una mozione e soprattutto quali sono i compiti di maggioranza e opposizione, di Giunta e Consiglio comunale. Non sappiamo chi suggerisce al Sindaco Gammone certe risposte, ma è chiaro che queste sono una vera e propria offesa ai cittadini e all’intelligenza umana. Tanto per chiarire le cose è opportuno ricordare al sindaco della città oraziana che le mozioni sono atti con i quali il Consiglio comunale IMPEGNA la Giunta a fare determinate cose. Una volta approvata una mozione, è compito della Giunta, ovvero di assessori ben pagati per lavorare per i cittadini, mettere in campo le azioni necessarie a realizzare gli impegni assunti. Una volta approvata una mozione ai consiglieri non resta che vigilare sul rispetto della stessa, cosa che il M5S ha fatto in questi anni evidenziando appunto l’incapacità della Giunta di realizzare almeno uno degli impegni assunti davanti al Consiglio comunale. Ad ogni buon conto, il M5S non si è mai tirato indietro e ha sempre offerto la propria disponibilità, spesso siamo stati snobbati da assessori troppo boriosi, altre volte si è preferito far cadere tutto nel dimenticatoio.
È chiaro che il Sindaco di Venosa ha tentato ancora una volta di arrampicarsi sugli specchi per giustificare inefficienze ed incapacità evidenti della sua compagine di governo. Mentre lui si arrampica sugli specchi, sui cittadini di Venosa aumenta il peso di tanta incapacità.
In ogni caso avvilente doversi confrontare con un Sindaco e con una maggiorana che invece di valutare il merito delle proposte si preoccupa del fatto che i suoi assessori sono chiamati a lavorare per colpa nostra. Insomma il M5S di Venosa sarebbe colpevole perché tenta di svegliare questa amministrazione dal torpore in cui è caduta due anni e mezzo fa.
Bene, è appena il caso di ricordare al
Sindaco di Venosa che sono passati due anni e mezzo e la sua Giunta non è riuscita ancora a dotare Venosa di un’area attrezzata per cani, di un portale internet realmente trasparente e accessibile, di un parco giochi inclusivo, della carta d’identità con la dichiarazione in favore della donazione degli organi, di un collegamento bus Venosa – Matera, di un progetto serio di raccolta differenziata.
Dopo due anni e mezzo le parole del Sindaco di Venosa suonano stonate rispetto alla realtà che i cittadini vivono quotidianamente. Signor Sindaco, le bugie hanno le gambe corte e ormai i cittadini venosini hanno preso coscienza di chi è il vero Pinocchio della politica venosina.

Movimento 5 Stelle Venosa




Commenta per primo

Rispondi