IRSINA: AL VIA CAMPAGNA “NOI NON SIAMO UN NUMERO”, SI DIFENDONO SERVIZI E PRESTAZIONI NEI PICCOLI CENTRI

E’ partita anche da Irsina, presso il Centro San Mauro, la campagna lanciata da Sanità Futura “Noi non siamo un numero”. Intanto, un piccolo centro che eroga prestazioni e servizi in un comune dove i servizi essenziali ai cittadini sono sempre minori l’iniziativa ha un valore particolare, specie per la popolazione anziana che ha più bisogno di cure specialistiche e riabilitative. Se dovessimo chiudere – spiega Antonio Mussuto del Centro San Mauro – i cittadini di Irsina dovrebbero rivolgersi a strutture pubbliche e private lontane con forti disagi e la negazione, di fatto, del diritto alla salute.
Sono già oltre 15 anni che Sanità Futura svolge la propria attività sindacale rappresentando le strutture sanitarie private di Puglia e Basilicata che vi aderiscono e i pazienti che si rivolgono a tali strutture oltre le persone che vi lavorano. La nostra attività – aggiunge Antonio Mussuto – è sempre stata caratterizzata da un unico comune denominatore: “trasparenza e legalità”. Ogni nostra azione, ogni nostra posizione è sempre stata fatta alla luce del sole e argomentata pubblicamente oltre che verbalizzata presso le istituzioni pubbliche. Chiediamo il supporto e la collaborazione – continua Mussuto – di tutti quelli che pensano che un sistema sanitario più equo e degno sia possibile. Più ne siamo e più avremo la possibilità di farci sentire e salvaguardare il nostro diritto alla salute, alla legalità e al giusto uso dei soldi pubblici. Abbiamo aperto l’associazione a tutti i cittadini e a tutti gli operatori del settore sanitario, convinti che solo attraverso il confronto e la collaborazione di tutte le parti coinvolte possiamo riuscire a fare qualcosa di veramente costruttivo. Siamo tutti sulla stessa barca ed è il momento di dire basta a chi considera le persone solo dei numeri, calpestando il diritto alla salute di ognuno. Da quando abbiamo lanciato la campagna, una settimana fa – riferisce Mussuto – abbiamo raggiunto quasi 90.000 persone con migliaia di interazioni sui social network e più di 300 nuove iscrizioni alla nostra associazione .Chiediamo trasparenza nella gestione della sanità pubblica e rispetto delle leggi, vogliamo un degno servizio sanitario pubblico con le stesse possibilità di accesso per tutti. Richieste che ad Irsina hanno “doppio valore” perchè in questo centro come in altri dell’interno rischiano di scomparire tutti i servizi, pezzo dopo pezzo.

Commenta per primo

Rispondi