Appuntamenti a Potenza e Matera con Simona Baldelli autrice de “La vita a rovescio” (Giunti)

Sono due gli incontri con il pubblico dei lettori organizzati in Basilicata per Simona Baldelli, autrice del romanzo “La vita a rovescio” (Giunti). 
Prima tappa, martedì 21 giugno 2016 alle 19.00, al Cibò di Potenza, insieme all’avvocato Cristina Coviello e alla blogger Giuditta Casale di Tempoxme, promotrice dei due incontri. Dopo la presentazione del libro seguirà la cena con l’autrice allietata dal reading di Monica Palese della compagnia teatrale Abito in scena. L’evento potentino è organizzato con il contributo della BCC di Laurenzana e Novasiri, Libreria Senzanome e Cibò.
Il secondo appuntamento è in calendario giovedì 23 giugno 2016, alle 18.30, a Caffè Ridola di Matera. Converseranno con l’autrice Giuditta Casale, blogger di Tempoxme, e Vanessa Vizziello dell’Associazione Risvolta, con le letture di Chiara Prascina. L’iniziativa nasce per volontà delle associazioni culturali Women’s Fiction Festival, Associazione Risvolta e la redazione del blog dedicato alla promozione dei libri e della lettura, Tempoxme, in collaborazione con la libreria Mondadori e Caffè Ridola.

Il libro:
Dopo Evelina e le fate (2013) e Il tempo bambino (2014), con La vita a rovescio Simona Baldelli ci propone un nuovo romanzo di avventura in cui i temi dell’emancipazione femminile e dell’identità sessuale si fondono in un universo picaresco, appassionante e pervaso da un sottile erotismo.
Roma, anno 1735. Né ricca, né bella, il volto sfigurato dal vaiolo, Caterina Vizzani ha quattordici anni ed è convinta di essere nata a rovescio: ama lavorare nella falegnameria del padre, detesta il cucito e le altre occupazioni femminili, e il pensiero di sposarsi la terrorizza. Ma proprio a scuola di ricamo incontra Margherita, la figlia di un avvocato molto vicino al Papa, che la conquista leggendole le meravigliose avventure di Bradamante, la donna cavaliere dell’Orlando innamorato.
Caterina non ha più dubbi: lei ama le donne, e soprattutto ama Margherita, di un amore grande e insaziabile che le fa sperimentare per la prima volta i piaceri inebrianti del sesso. Ma quando la madre di Margherita le coglie in flagrante, la vita di Caterina subisce una brusca svolta: con una denuncia per sodomia e stregoneria che le pende sulla testa, è costretta a fuggire e a nascondersi. Ah, pensa Caterina, se solo fossi un uomo. Perché se fosse un uomo sarebbe tutto diverso, potrebbe continuare a sedurre le femmine alla luce del sole e provare a ribaltare la propria vita… Ed è così che, grazie al lungimirante suggerimento di una prostituta, Caterina decide di vestire panni maschili e trasformarsi in Giovanni Bordoni. Come per magia le porte della società si spalancano e davanti a Caterina si dispiega una strada lastricata di occasioni e piacere…
Forse gli uomini erano i padroni del mondo perché le donne li lasciavano fare, come se trovassero soddisfazione nelle chiacchiere, nei sospiri e nelle lacrime e fossero contente così. La vita, per le femmine, era una specie di teatro: gli uomini stavano sulla scena e loro sotto, ad applaudire. Ma a lui non bastava. Da che era diventato Giovanni, il mondo si era raddrizzato e aveva scoperto la sua vera natura. Voleva salire sul palco.”

L’autrice
Simona Baldelli è nata a Pesaro e vive a Roma. Ha esordito nella narrativa nel 2013 con Evelina e le fate romanzo finalista al Premio Calvino 2012 e vincitore Premio John Fante opera prima. Nel 2014 ha pubblicato, sempre per Giunti, il suo secondo romanzo, Il tempo bambino. La vita a rovescio è il suo terzo romanzo uscito nel 2016.

Commenta per primo

Rispondi