Mimmo Centonze racconta un’opera: “Lettura Biblica”. All’interno del corso di disegno e pittura con Mimmo Centonze

Mimmo Centonze -Lettura biblica 2007-2012 - Olio su tela - 150x205 cm (1).jpg
Casa Netural e Mimmo Centonze lanciano un nuovo format per raccontare l’arte in maniera più intima, diretta e a stretto contatto con l’artista. Attraverso una storia Mimmo Centonze racconterà i particolari tecnici-pittorici e i dettagli storici che hanno reso quell’opera così preziosa.
Il primo racconto sarà sull’opera “Lettura biblica” 2007-2012 – Olio su tela – 150×205 cm.

L’opera è stata presentata in anteprima assoluta da Vittorio Sgarbi nel 2012 nella rigorosa esposizione monografica “Mimmo Centonze” che il Palazzo delle Esposizioni di Roma ha dedicato all’artista, rendendogli così l’onore di essere il più giovane artista, sia dell’attuale che della passata generazione, ad aver inaugurato una mostra personale nella prestigiosa sede romana.

Guarda il video dell’inaugurazione con Vittorio Sgarbi della mostra “Mimmo Centonze” a Palazzo delle Esposizioni di Roma di Vittorio Sgarbi: https://goo.gl/W5bGLU



L’incontro avverrà martedì 10 maggio alle 19:00 presso lo studio del Maestro Mimmo Centonze a Matera in via Collodi, 2. Questo approfondimento fa parte del percorso che Casa Netural e Mimmo Centonze hanno iniziato insieme a febbraio dal nome “Pittura a Bottega” (inserire link del corso) e che ha già visto la creazione di due classi di allievi all’interno del corso di disegno e pittura tenuto dal Maestro Centonze.
Il corso ha destato l’interesse di ben 21 allievi (di ogni età, dai 7 anni agli oltre 60) che già in poche lezioni stanno raggiungendo ottimi risultati, esercitando le facoltà dell’emisfero cerebrale destro, e quindi vedendo nel modo giusto. Il Maestro sta affidando la sua esperienza seguendo ciascun allievo in un percorso unico e eccezionale.
Dall’immagine che vedete potete notare un paio di esempi (aggiungere seconda foto) dei progressi evidenti, ottenuti da tutti gli allievi, grazie al corso “Pittura a bottega”. Osservate i miglioramenti tra un disegno realizzato prima di iniziare il corso e quello eseguito già alla terza lezione:

193.JPG



Il disegno è solamente un mezzo, non il fine, per fornire gli strumenti per liberare quel potenziale creativo e per accedere alle facoltà inventive, intuitive e immaginative che forse finora sono state represse dalla nostra cultura verbale e tecnologica, nonché dal nostro sistema educativo.
Siete tutti invitati a conoscere gli allievi del corso e ad ascoltare il racconto di Mimmo Centonze sull’opera “Lettura Biblica”, preceduto dagli approfondimenti di Stefania Sibilio.
L’incontro si svolgerà presso lo studio del Maestro Mimmo Centonze a Matera in via Collodi, 2.
Martedì 10 maggio 2016, dalle ore 19 alle ore 2030.
Ingresso gratuito
Per informazioni scrivere a: casa@benetural.com

Qui di seguito la biografia breve del Maestro Mimmo Centonze:

Mimmo Centonze
Biografia breve
Nato a Matera il 10 giugno 1979, a soli 14 anni comincia a riprodurre con notevole rigore alcune opere dei grandi maestri del passato e, curioso di carpirne i segreti tecnici e teorici, si immerge nello studio dei più autorevoli Trattati di Pittura e nell’osservazione diretta delle opere nei più importanti Musei a Roma, Firenze, Venezia, ma anche a Londra, Parigi, Amsterdam e New York. Nel 2000 si iscrive all’Università degli Studi di Bologna e frequenta il DAMS, Corso di Laurea in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo. Si dedica inoltre all’incisione calcografica e all’approfondimento del disegno e della pittura “dal vero”, soprattutto dello studio della figura umana, sviluppando anche un forte interesse per il ritratto. Le sue opere sono state esposte nei seguenti musei ed istituzioni pubbliche: al Palazzo delle Esposizioni di Roma, alla Biennale di Venezia e alla Fondazione Cini di Venezia, all’Expo, al Museo della Permanente e al PAC – Padiglione di Arte Contemporanea di Milano, al Palazzo Reale e alla Fondazione Sandretto di Torino, al Festival dei Due Mondi di Spoleto, al Palazzo della Ragione di Mantova, al Museo Palazzo Lanfranchi e al Museo della Follia di Matera, al Museo di Arte Contemporanea di Lissone, al Museo Centrale Montemartini di Roma, al Museo della Mafia di Salemi, al MUMI – Museo Michetti di Francavilla al Mare. Nel 2009 la prima mostra personale “Mimmo Centonze. Lo spazio e il nulla”, ideata e curata da Vittorio Sgarbi con testi di Oliviero Toscani e Marco Vallora negli spazi della Galleria Il Mappamondo di Milano.
Nel 2010 gli viene assegnato il “Premio Speciale Fondazione Roma”, importante riconoscimento che viene attribuito ad un artista particolarmente significativo a giudizio insindacabile della Fondazione Roma e del suo Presidente, il Prof. Emmanuele F.M. Emanuele.Nel 2010 realizza il celebre ritratto del boss mafioso Totò Riina, conservato nel Museo della Mafia di Salemi in Sicilia e inaugurato nel maggio dello stesso anno dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nel 2011 espone alla LIV Edizione della Biennale di Venezia nel Museo della Mafia all’interno del Padiglione Italia dell’Arsenale a Venezia. Nel 2012 il Palazzo delle Esposizioni di Roma dedica una rigorosa esposizione monografica all’artista, al quale viene reso così l’onore di essere il più giovane artista, sia dell’attuale che della passata generazione, ad inaugurare una personale nella prestigiosa sede romana. Nel 2013 a Matera la personale “Capannoni nel capannone”, promossa dalla Soprintendenza per i Beni Storici ed Artistici in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata che istituisce un modulo di Arte Contemporanea dedicato allo studio delle opere e dell’attività dell’artista. Nel 2015 espone nella mostra “Imago Mundi”, selezionato dalla Fondazione Benetton tra le migliori 400 personalità artistiche in Italia, e all’Expo di Milano nella mostra “Il Tesoro d’Italia”, selezionato da Vittorio Sgarbi tra i migliori artisti dal Trecento ai giorni nostri. Nel 2016 a Dubai la mostra personale “Mimmo Centonze. Large format”, negli spazi della Galleria d’Arte Contemporanea Artissima Art Gallery.




Commenta per primo

Rispondi