Dopo aver affossato il Capoluogo, Pittella&friends ‘scappano’ da Potenza per firmare il Patto per la Basilicata a Matera. Vergogna!

topFdi 3
 
Dopo aver affossato il Capoluogo, Pittella&friends ‘scappano’ da Potenza per firmare il Patto per la Basilicata a Matera. Vergogna!
Per il Presidente del Consiglio dei Ministri, come per il Presidente della Regione, Marcello Pittella, Basilicata vuol dire Matera e Lauria (Maratea). Oramai i Potentini se ne sono fatti una ragione.
Del resto, il Pd lucano è riuscito nell’impresa di distruggere un Capoluogo e Pittella non ha la faccia di farsi vedere in giro. Tuttavia, questo non giustifica che nella visita di Renzi, della prossima settimana, non sia previsto un passaggio a Potenza e che il Patto per la Basilicata venga siglato in una Città che non sia il Capoluogo di tutta la Regione.
Pittella&friends hanno fatto finta di salvare il Capoluogo dal commissariamento solo per vincere, con gli Speranziani, una gara di visibilità sui giornali.
Nei fatti mentre fino al 2013 il capoluogo riceveva un contributo annuale di circa 9 milioni di euro, con l’arrivo di Pittella, nel 2014, il contributo è completamente scomparso. Poi ha promesso di dare 6 milioni di euro nel 2015 e 5 milioni e mezzo nel 2016 ma per ora ne ha versati soltanto 2 milioni e 200 mila euro.
La Giunta Pittella ha garantito alla Città dei Sassi un capodanno con i fiocchi investendo, per quello che hanno scritto i giornali, un milione di euro.
Adesso che il Capoluogo si appresta a vivere il suo mese più bello e più importante, quello di maggio, i Pittella&friends sono stati capaci di far sparire completamente anche il solito finanziamento alla festa per il Patrono San Gerardo. Del resto, anche nel 2015, il Comune ha riutilizzato dei fondi non spesi da Santarsiero, quindi non ha attinto a nessun contributo regionale.
Insomma, oramai, è chiaro a tutti che se Pittella potesse evitare di venire a lavorare a Potenza, sposterebbe molto volentieri anche la sede della Regione Basilicata tra i Sassi, come ha fatto con l’APT. Così come è chiaro che Pittella faccia tutto questo perché insegue i soldi dei finanziamenti che pioveranno sulla Città di Matera.
Quanto male ha fatto a Potenza la classe dirigente del Pd? Tanto. Dobbiamo rassegnarci, il motore che muove il Pd lucano non è l’amore per questa nostra Terra ma per i poteri economici. Ne abbiamo avuto riscontro in questo ultimo mese.
Hanno trasformato il Capoluogo di Regione in un postificio, tarpando le ali a qualsiasi forza propulsiva. Ora che i posti scarseggiano e che non possono più esercitare il potere tramite promesse di posti di lavoro, ora che hanno fatto cadere nel baratro del dissesto Potenza, la abbandonano. Vili!
Oggi, apprendiamo dai giornali che, anche il patto della Basilicata, tra Governo centrale e Governo regionale, si firmerà a Matera. Non che noi ci facciamo abbindolare da questi fantomatici patti, che rappresentano solo occasioni per scattare qualche foto e stringere qualche mano. Siamo consapevoli che Potenza e i potentini, per il Pd, sono solo i ‘portatori di voti’. Per il resto, se il lauriota potesse, forse, li cancellerebbe anche dalla cartina geografica.
In qualità di Capogruppo al Comune di Potenza dei Fratelli d’Italia esprimo tutto il mio sdegno per questo ennesimo schiaffo al Capoluogo. Saremmo lieti di uno scatto d’orgoglio da parte di tutti i Consiglieri comunali del capoluogo, del Sindaco e del Presidente del Consiglio comunale. Il patto per la Basilicata va firmato nel Capoluogo della Basilicata!
Potenza, 28 Aprile 2016
Alessandro Galella, Capogruppo Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Città di Potenza




Commenta per primo

Rispondi