CANDONGA: GLI AVVOCATI VINCI E SIROTTI SU CANDONGA: “ORA BASTA, RISTABILIAMO LA VERITA’”

Avevamo deciso di non commentare, stante la chiarezza dell’ordinanza del Tribunale che ha dato pienamente ragione alla società nostra assistita. Tuttavia all’unico fine di ristabilire la verità dei fatti e di garantire la corretta dialettica nell’ambito del sistema di informazione, a tutela della reputazione e dell’immagine imprenditoriale della nostra assistita ricordiamo che il Tribunale penale di Matera ha annullato integralmente il provvedimento di sequestro di imballaggi che aveva colpito una società romagnola, che da anni opera anche in Basilicata e che commercializza fragole della varietà “Sabrosa-Candonga” provenienti dal Metapontino. 

Il Tribunale ha, dunque, rilevato la piena correttezza della condotta della società, difesa dagli avvocati Andrea Sirotti Gaudenzi di Cesena e Filippo Vinci di Policoro, annullando così il sequestro dell’ingente quantitativo di imballaggi e disponendone la restituzione agli aventi diritto.
Il Tribunale di Matera, in composizione collegiale, ha ritenuto che non vi fosse alcun elemento di illiceità nella condotta della società romagnola, la quale commercializza legittimamente le fragole della varietà vegetale nota con i nomi di “Sabrosa” o “Candonga”, coltivate in Basilicata. L’Autorità giudiziaria, accogliendo integralmente le tesi dei legali della società romagnola ha ricordato che il caso non riguardava alcuna contraffazione alimentare, ma semplicemente una questione (priva di alcun rilievo penale) legata all’utilizzo dell’espressione “Candonga” in fascette presenti nelle vaschette di trasporto delle fragole. Del resto, così come evidenziato nel corso delle operazioni condotte dalla Polizia Giudiziaria, tutte le fragole oggetto di commercializzazione da parte dell’impresa romagnola appartenevano alla varietà vegetale nota come “Sabrosa” o “Candonga” e, come tali, venivano commercializzate regolarmente dalla società che da anni acquista la propria merce esclusivamente da soggetti che producono tali fragole nel Metapontino. Non si comprende, quindi, come alcuni organi di informazione abbiano utilizzato espressioni gravemente lesive quali “contraffazione” o fragole “taroccate”, dato che i prodotti che sono stati al centro dell’indagine erano riconducibili esclusivamente alla nota varietà vegetale e erano frutti provenienti dall’area metapontina. Alla società romagnola, infatti, non era stata mossa alcuna contestazione in merito all’integrità e alla qualità della merce, appartenente alla nota e apprezzata varietà coltivata in Basilicata. Infatti, il sequestro aveva riguardato esclusivamente gli imballaggi, dato che gli stessi presentavano una indicazione che, secondo la Compagnia della Guardia di Finanza di Policoro, poteva porsi in contrasto con i diritti dei titolari di alcuni marchi. Ma il Tribunale di Matera ha ritenuto l’assoluta correttezza della attività della società romagnola e la inopponibilità dei marchi contenenti l’espressione “Candonga”, dato che questo è il nome di una varietà vegetale.

Il Tribunale ha annullato il sequestro proprio perché ha rilevato che la parola “Candonga” –di per sé- è priva di qualsiasi elemento distintivo e, pertanto, non può costituire un valido marchio, dato che l’espressione contraddistingue le fragole di quella varietà vegetale.
Inoltre, il Tribunale di Matera ha evidenziato che l’espressione è in uso almeno sin dal 2005 e, quindi, molto prima che una società che opera nel settore provvedesse a presentare la domanda di registrazione di quattro marchi figurativi, in cui è presente la parola. Proprio con riferimento a tali marchi, l’Autorità giudiziaria, accogliendo le osservazioni degli avvocati Sirotti Gaudenzi e Vinci, si è pronunciata sottolineando l’assenza di qualsiasi rischio confusorio, dato che i marchi sono comunque profondamente diversi da quelli utilizzati dalla società romagnola.
Quindi, non vi è alcun fumus commissi delicti, così come chiarito dall’Autorità giudiziaria, Mancano, pertanto, gli elementi che possano consentire di parlare di un qualsiasi illecito penale posto in essere dai responsabili della società romagnola, che è impegnata attivamente da anni nella tutela dei prodotti originali, oltre che della proprietà intellettuale del settore ortofrutticolo.Non si condividono, quindi, le tesi del tutto infondate di chi, affidandosi a comunicati stampa, addirittura connotati da toni che sembrano più adatti ad accompagnare cronache giudiziarie in cui le proprie tesi risultino vincenti (e non sonoramente bocciate, come in questo caso). Proprio su questo punto, colpisce quanto affermato dai rappresentanti di una società del Metapontino, che hanno parlato di una «calata dei barbari» a proposito della legittima attività svolta dalla società romagnola, che –riservandosi ogni azione a tutela della propria immagine nelle opportune sedi- investe ingenti somme di denaro per valorizzare appieno un prodotto originario della Basilicata ed esportato in tutto il territorio nazionale. Quindi, si prende atto che taluno, invece di ringraziare le società provenienti da altre regioni d’Italia che abbiano deciso di effettuare importanti investimenti nel Metapontino, valorizzando così gli agricoltori locali, ha deciso di dichiarare una guerra assolutamente anacronistica e infondata, che rischia di minare seriamente la credibilità dei produttori del settore e omette di colpire i veri contraffattori dei prodotti di qualità.

Commenta per primo

Rispondi