TAVOLO VERDE BASILICATA

Foto: Tavolo Verde Basilicata
Il maldestro tentativo, ben sostenuto dai mass-media di parte, di includere anche alcune plaghe agrarie ad alta vocazione agri-turistica ed ambientale nell’elenco dei terreni inquinati e riconosciuti come tali ufficialmente e di fatto , va fermato perché contribuisce ad alimentare artatamente sfiducia fra i produttori agricoli, operatori turistici e più in generale fra i consumatori . Le produzioni ortofrutticole dell’alta e della bassa Metapontina, degli altori del quaternario, della media ed alta collina Materana e Potentina non risultano essere inquinate da composti rivenienti dal processo estrattivo degli idrocarburi; così come possiamo rassicurare i consumatori di carne, latte e derivati ottenuti da allevamenti zootecnici lucani, sulla salubrità e qualità degli stessi. Parimenti , le produzioni cerealicole e delle leguminose destinate al consumo umano e/o all’alimentazione zootecnica non presentano residui classificabili come tossici; anzi , al contrario delle produzioni di grano e di mais importate da Paesi extracomunitari , presentano un tasso zero o quasi anche di aflatossine e/o ocratossine. Per cui chi richiedere ulteriori controlli sanitari sulle nostre produzioni locali regionali e in special modo su quelle agroalimentari lucane, dovrebbe, così come ha fatto Tavolo verde Puglia e Basilicata, sostenere tutte quelle iniziative finalizzate ai maggiori controlli dei beni agroalimentari (circa un terzo) provenienti sia da paesi comunitari che extracomunitari in concorrenza con le nostre produzioni. Così come è necessario sostenere con aiuti diretti ed indiretti le produzioni locali e regionali a partire dai beni di prima necessità (latte, carne, grano, frutta, verdura, olio ecc…). Non meno importante, ai fini di rassicurare gli allevatori, i produttori agricoli e i consumatori e il rapporto produzione-consumo, è la perimetrazione e classificazione in tempi stretti delle aree e del sistema agro-ambientale delle terre lucane. In questa delicata fase le comunità e il mondo agricolo chiedono alle istituzioni, più che allarmismi e rassicurazioni, certezze e garanzie di medio e lungo termine sia per la difesa e la valorizzazione delle risorse agro-ambientali, sia per l’incolumità pubblica. Infine l’urgenza dei tempi e i preoccupanti segnali del mercato degli ortofrutticoli, che stanno strozzando migliaia di aziende agricole, impongono l’adozione di interventi e di misure straordinarie a carattere regionale e nazionale a favore del settore primario, ovvero a sostegno delle aziende agricole e zootecniche dell’intera Regione Basilicata. Indugiare su interventi comunitari e non mettere in campo misure specifiche ed immediate vuol dire aggravare ulteriormente una situazione già stretta dalla morsa della crisi economica generale e dalla distrazione di alcuni livelli politico-istituzionali.


Tavolo Verde Basilicata




Commenta per primo

Rispondi