AEROPORTO PISTICCI: VISITA CONSIGLI DIRETTIVI PICCOLA INDUSTRIA E TURISMO CONFINDUSTRIA

A riprova del forte interesse imprenditoriale per l’aeroporto Basilicata-Enrico Mattei di Pisticci oggi i Consigli Direttivi del Comitato per la Piccola Industria e della Sezione Turismo, entrambi aderenti a Confindustria Basilicata, hanno visitato la struttura aeroportuale della Valbasento. I dirigenti accompagnati dai presidenti Lorenzo Pagliuca (Piccola Industria) e Francesco Garofalo (Turismo) hanno voluto verificare direttamente la situazione strutturale dell’aeroporto. La visita fa seguito alle continue richieste di notizie sulla programmazione dei voli da parte di titolari di aziende dell’area e delle due province per organizzare un proprio businness plan necessario alla pianificazione dell’esportazione dei prodotti. 


Tutto ciò a conferma che l’Enrico Mattei di Pisticci è un’infrastruttura di crescita e sviluppo produttivo oltre che di nuova occupazione diretta ed indotta. Circa duecento imprese, oltre a numerose imprese che dal nord e dalle altre regioni d’ Italia stanno investendo o valutando di farlo nelle aree industriali della Basilicata per delocalizzare parte delle loro unità produttive che richiamate dagli incentivi previsti dai vari bandi regionali e locali, non esiterebbero a farlo potendo servirsi di una struttura aeroportuale importante per la mobilità di merci e persone. Secondo un recente studio gli indicatori più importanti dell’impatto economico dell’entrata in funzione dell’aviosuperficie di Pisticci, con il passaggio ad aeroporto generale e quindi di interesse nazionale sono: un incremento del Pil pro-capite Basilicata tra il 2 e il 2,5% (solo nel primo anno di attività); un’occupazione diretta di una cinquantina di unità; un’occupazione indiretta (attività di servizi ed altro) di circa 150 unità; incremento della spesa turistica pro-viaggiatore tra il 5 e l’8%; aumento di insediamenti produttivi (piccole e medie aziende) dell’ordine di una dozzina (solo nel primo anno di attività) e di 150-180 nuovi posti di lavoro, a cui aggiungere il Centro di Formazione per figure professionali del settore aeronautico (Progetto Winfly) per un’occupazione stabile (laureati-esperti) di altre decine di unità. Uno scalo che può quindi svolgere un importante ruolo economico come polo di sviluppo per l’intera area interregionale (Pisticci è baricentrico con area occidentale della Puglia e Alto Jonico Cosentino, pe un totale di circa 2milioni di abitanti) nella quale questo è localizzato. L’aeroporto costituisce di fatto un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo di scambio tra modalità terrestri e sistema aereo; è dunque un punto di interscambio tra modi di trasporto terrestre (quali sistema di trasporto su strada, sistema ferroviario) e sistema aereo e portuale; un centro di servizi in quanto deve fornire i necessari servizi per le emissioni di biglietti, documentazione di imbarco/sbarco, controllo di passeggeri e merci; un punto di connessione tra arrivi e partenze deve garantire un facile passaggio da un sistema di arrivi continuo (quale è il flusso di utenti) ad un sistema di partenze discreto (quali sono i voli aerei programmati da orario). Una struttura che ha una sua definita missione da svolgere anche in relazione all’investimento di circa 70 milioni di euro, che prevede la realizzazione di un’area dove si potranno mobilitare fino a 1,7 milioni di tonnellate di merce, candidandola a diventare una piattaforma dell’agroalimentare del centro sud non solo della Basilicata oltre che a realizzare un moderno centro logistico la cui mancanza oggi determina un 30% in più di costo sulle nostre produzioni. La Basilicata con queste due infrastrutture, una già pronta ma da potenziare e l’altra da realizzare nel giro di qualche anno potrà tornare ad essere un importante centro logistico e rappresentare un elemento di sviluppo economico ed occupazionale.

Commenta per primo

Rispondi